scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/09/2021

Il calendario delle riforme Draghi

Il Foglio - CARMELO CARUSO

Un elenco cadenzato di sfide che arriva fino al 2026
Roma. In un documento di ventisette pagine c ' è il racconto dell ' Italia mo derna. In un documento di ventisette pagine c ' è il lungometraggio del paese domani, il paese 2026. Immaginate un sussidiario di riforme e per ogni riforma la data di attuazione. Immaginate di trovare, ministero per ministero, le chiavi che permettono di " aprire " il Pnrr. Chi solo vagheggia elezioni traumatiche, chi coltiva l ' idea che a Palaz zo Chigi un uomo valga l ' altro, deve leggere con attenzione il cronoprogramma della presidenza del Consiglio collegato al Pnrr. Si tratta di un abaco di riforme fitto e puntuale. Non è eccesso di draghismo. Chi se non Mario Draghi, un governo di natura eccezionale e un " soprasegretario " , come Roberto Garofoli, possono assicurare all ' Europa che quello che occorre sa rà fatto? Ecco perché sarà difficile che Draghi lasci la guida del governo. Quello che si propone non è un " over view " come dicono gli inglesi. E poi perché tutto questo inglese, come suggerisce il nostro premier? Chiamiamolo itinerario 2026. Negli uffici viene chiamato " Italia Domani " . E ' questo il fascicolo, il buon memoran dum dell ' esecutivo. E ' sui tavoli di tutti i ministri e questa settimana, mercoledì o giovedì, sarà sul tavolo di quella che potrebbe essere la prima cabina di regia politica che riguarda il Pnrr. (segue nell ' inserto III) La riforma della giustizia e quella della Pa, sono le riforme più note e già realizzate. Non ci sono riforme che " mancano " da qui a fine dicembre 2020. Chi lo dice usa una frase scorciatoia. Ci sono riforme programmate con un ' Europa che, per una volta, non ci guarda con sospetto. E ' un ' altra co sa. L ' ambizione è infatti maggiore. Il 2020? Il calendario di lavoro ha come orizzonte il 2026. Camminiamo adesso per ministeri e cominciamo questo modesto racconto. Andiamo al Mims di Enrico Giovannini. Entro fine dicembre del 2021 le riforme da incassare riguardano la mobilità sostenibile. La riforma 4.1 prevede " l ' adozione di una normativa che attribuisca competenze chiare per l ' approvazione dei progetti di trasporto pubblico locale " . Un ' altra, importantissima, modi fica l ' iter di approvazione dei progetti ferroviari. Dovrebbe portare la durata dell ' iter di autorizzazione dei pro getti da 11 a 6 mesi. Nel 2022 attenzione ai porti. Sarà l ' anno in cui verrà at tuato il " regolamento che definisce l ' aggiudicazione competitiva delle concessioni nelle aree portuali " . Nel lo stesso anno nuovo approccio per i rifiuti. Ma siamo già a casa del ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. L ' obiettivo per il 30 giugno 2022? Avere un nuovo " sistema di tracciabilità digitale dei rifiuti " . Nel 2023 si vuole una riforma che favorisca le energie come biometano pulito e idrogeno. Dunque entro il 31 marzo 2023 " una riforma che consiste nell ' entrata in vigore di un quadro giuridico teso a promuovere l ' idroge no come fonte rinnovabile " . L ' anno successivo si dovrebbe finalmente " semplificare la procedura degli im pianti rinnovabili " . E ora entriamo invece al ministero della Sanità guidato da Roberto Speranza. Due le riforme da agguantare. La prima ha questa dicitura: " Innovazione, ricer ca e digitalizzazione del servizio sanitario " . Ricordate quando in Calabria i dati dei malati di Covid venivano spediti a mano su foglietti di carta? Il futuro è la telemedicina. La prima riforma non può che essere " la definizione di un nuovo modello organizzativo delle rete di assistenza sanitaria " . Entro quando? Entro il 30 giugno 2022. E poi altra riforma " per riorga nizzare la rete degli istituti di ricovero e di cura a carattere scientifico per migliorare la qualità del servizio sanitario nazionale " . Anche questa a fi ne 2022. Spostiamoci a Trastevere dove lavora il ministro Patrizio Bianchi. Draghi ne aveva già parlato durante il suo insediamento. Una riforma sempre più imminente è la riforma degli " istituti tecnici e professionali " ma nello stesso tempo si dovrà lavorare a una riforma che agisca " sul sistema di istruzione primaria e secondaria " . Serve tempo. Il 31 dicembre 2023 dovremmo tuttavia farcela. Il risultato? " Adeguamento del numero degli alunni per classe " e " revisione delle norme relative alle dimensioni degli edifici scolastici " . E sempre nel 2023 si immagina " una scuola di alta for mazione e formazione obbligatoria per i dirigenti scolastici, docenti e personale amministrativo " . Il passo è di lato. L ' università. Cosa accade al ministero della professoressa Maria Cristina Messa? Qui c ' è un appunta mento imminente. La riforma da fare al più presto, entro la fine dell ' anno, deve portare a un potenziamento nell ' offerta di alloggi per studenti. Contenuto del progetto: " Incentivare la realizzazione, da parte dei soggetti privati, di strutture edilizie universitarie. L ' obiettivo è quello di triplicare i posti per gli studenti fuorisede, portandoli da 40.000 a oltre 100.000 entro il 2026 " . E ora al Lavoro, quello di An drea Orlando. E ' prossima la riforma degli ammortizzatori sociali. Il governo ha creato il programma di " Garan zia di occupabilità dei lavoratori (Gol) " che consentirà di fornire servi zi su misura ai disoccupati. I beneficiati da questo piano dovrebbero essere tre milioni di disoccupati entro il 2025. E sempre per quella data si vuole un ammodernamento dei centri per l ' impiego. Per la fine del 2022 qualco sa che non è solo di sinistra ma che è giustamente una bandiera di sinistra. E allora " Piano nazionale per la lotta al lavoro sommerso " . Non allontania moci. Un salto al Mise di Giancarlo Giorgetti, il filosofo del lago, il leghista di responsabilità. Crisi industriali da risolvere, la transizione da Alitalia a Ita da governare sono senza dubbio le sue preoccupazioni. Ma anche il suo ministero ha in calendario una riforma poderosa. E ' quella che vuole rivedere il codice della proprietà industriale. Perché farla? " Per tutelare i diritti di proprietà e semplificare le procedure. Rafforzare il sostegno agli istituti di ricerca, e agevolare il trasferimento delle conoscenze " . Fine 2023. Bussiamo adesso al Mef guidato da Daniele Franco, meglio, come dicono a Palazzo Chigi, " dall ' ottimo Franco " . Per il 2023, marzo, si ragiona su " nuove norme per ridurre i tempi dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni agli operatori economici " . Se davvero si riuscisse sarebbe tantissimo. L ' obiettivo è far abbassare i tempi dei pagamenti perché " la me dia ponderata deve essere pari o inferiore a 30 giorni " . Più stringente " la lotta all ' evasione fiscale dovuta all ' omessa fatturazione " . Si può agire con " incentivi mirati per consumato ri " . E questo da subito entro fine an no. Si collega all ' entrata in vigore " delle disposizioni per migliorare l ' efficacia della revisione della spe sa " . Detto in maniera più semplice: spending review. Anche questo entro fine dicembre 2021. Più impegnativo è quanto viene fissato per giugno 2023 ovvero che almeno 2 milioni e mezzo di contribuenti " debbano ricevere di chiarazioni Iva precompilate per l ' esercizio fiscale 2022 " . Dal Mef al Ministero per l ' Innovazione tecnolo gica e la transizione digitale di Vittorio Colao. Portiamoci avanti. Per il 31 dicembre del 2022 si deve raggiungere " la trasformazione digitale di tutte le amministrazioni pubbliche, centrali e locali, mediante l ' istituzione di un ufficio specifico per la trasformazione digitale della Pa " . Da afferrare entro dicembre 2021 è la riforma della ministra Mara Carfagna. Riguarda le zone economiche speciali ovvero Zes. Non è un brutto acronimo. Tutt ' al tro. Sono zone del sud dove le aziende possono beneficiare di condizioni vantaggiose. Ebbene, si devono dare più poteri ai commissari per fare decollare queste piccole aree. I ministri Renato Brunetta e Marta Cartabia ci perdoneranno invece se la visita ai loro ministeri è veloce. Perché veloce? Perché sono stati i primi a spingersi nel cammino delle riforme. Le loro devono solo andare a regime. Finiamo allora questo viaggio, sicuramente sommario e incompleto, con le riforme della presidenza del Consiglio dei ministri, quelle del segretariato generale. 30 giugno 2022: entrata in vigore del codice riveduto dei contratti pubblici. Un anno dopo devono essere varati tutti i provvedimenti attuativi che riguardano la riforma/semplificazione del sistema degli appalti pubblici. Nel 2023 si deve fare questo: " Riduzione del tempo medio tra la pubblicazione del bando e l ' aggiudicazione dell ' ap palto e tra aggiudicazione e realizzazione dell ' opera " . Quest ' ultima rifor ma è già popolare. E ' la riforma della concorrenza. Ovvio che sarà complesso arrivarci, come ha spiegato Garofoli al Foglio e che l ' approccio dovrà esse re " originale " (parola che ama " il so prasegretario " ). Ma si deve fare " e con cadenza annuale " perché " aumenterà le procedure competitive di aggiudicazione degli appalti per i servizi pubblici locali " . Eviterà l ' ingiustificata pro roga delle concessioni per porti, autostrade ... Cosa volevamo dimostrare? Che il modo peggiore è leggere queste riforme come dossier. Un altro modo è leggerle come fosse un ' avventura da argonauti, ogni ministero piccolo legno nel mare. Draghi è il compasso, quello che in nautica viene chiamato il " frangen te " . Il Pnrr è la mappa. Carmelo Caruso