scarica l'app
MENU
Chiudi
14/11/2020

Il bando da 1,3 milioni chiuso dopo 11 minuti

Corriere Adriatico

Gara finalizzata all'attrazione di investimenti innovativi e procedura ultra rapida Poco dopo il via subito l'avviso: «Esauriti i termini per presentare le domande»
LE POLEMICHE
ANCONA Polemiche ieri mattina per l'esito repentino (e già contestato) del bando intitolato Investimenti produttivi innovativi di alta rilevanza strategica emanato dal settore Internazionalizzazione lo scorso 26 ottobre. Il bando cubava 1,3 milioni di euro ed era finalizzato al potenziamento e all'attrazione di investimenti innovativi, anche esteri, da parte di Pmi e grandi imprese, «che generino nuova occupazione, al fine di facilitare la fase di uscita dalla crisi socio-economica che ha investito il territorio marchigiano, a causa dell'emergenza Covid-19». Così recitava il decreto.
Le quattro ipotesi in campo
Quattro le ipotesi previste dal bando per i concorrenti: la creazione di una nuova unità produttiva; l'ampliamento di una unità produttiva esistente, già di proprietà; l'acquisto, recupero e riqualificazione di una unità produttiva esistente, chiusa, anche al fine di ridurre l'impatto paesaggistico ambientale e infine l'attività di ricerca industriale e lo sviluppo sperimentale, rivolta a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi.
Il problema
Come concordato in anticipo ieri mattina alle 10 era previsto lo start «fino ad esaurimento delle risorse» con la presentazione dei progetti. Il problema è che alle 10.11 nella parte del sito della Regione dedicata al deposito dei documenti è stata bloccata la procedura ed è stato inserito un testo nel quale si riportava che «erano esauriti i termini per presentare la domanda». Pare che le offerte di sette concorrenti avessero superato di molto il 100 per cento dell'importo del bando. Un cumulo calcolato in tempo reale. Rabbia è stata espressa da alcuni consulenti aziendali a cui in buona sostanza è stata letteralmente interrotta la procedura online di deposito in corso. I dubbi, a sentire i commercialisti beffati, risiedono nella velocità dei concorrenti al contrario capaci di completare la procedura: caricamento da 8 a 11 allegati per enucleare i progetti di cui sopra. Con tanto di firma.
a. t.
© RIPRODUZIONE RISERVATA