scarica l'app
MENU
Chiudi
30/07/2020

IERI IN CDM Comune di Partinico sciolto per mafia Per San Cataldo proroga di sei mesi

La Sicilia

PALERMO. Il Consiglio dei ministri ha deciso lo scioglimento del consiglio comunale di Partinico, dopo le dimissioni del sindaco Maurizio De Luca, depositate il 3 maggio del 2019. Il Comune di Partinico è attualmente gestito dal commissario straordinario, Rosario Arena, nominato dal presidente della Regione con proprio decreto il 18 giugno 2019. Nel gennaio scorso tre ispettori del ministero dell ' Interno e un quarto nominato dalla Prefettura di Palermo, hanno avvito gli accertamenti sull'attività amministrativa del consiglio comunale, dell ' ex sindaco e del commissario. La decisione arriva adesso «all ' esito di approfonditi accertamenti dai quali sono emerse forme di ingerenza da parte della criminalità organizzata che compromettono l ' imparzialità e il buon andamento dell ' attività amministrativa». «Ancora un comune sciolto per mafia in provincia di Palermo segno di una criminalità che opprime ancora l ' economia, condiziona la politica e gli appalti e offusca l ' azio ne delle istituzioni. Serve la piena consapevolezza che se non si lavora insieme per eliminare questo cancro, nessun imprenditore vorrà mai investire nelle nostre terre qualunque sia il contributo che, in termini finanziari, possa ricevere». Così il segretario generale Cisl Palermo Trapani Leonardo La Piana commenta la notizia. «Bisogna puntare sulla correttezza e la trasparenza amministrativa - aggiunge - leggi chiare sugli appalti, sui principi della legalità, a partire dall ' educazione scolastica, e su percorsi di cittadinanza attiva per liberarci di questa piaga che non lascia spazio allo sviluppo». Il Consiglio dei ministri, sempre su proposta del Viminale, «in considerazione della necessità di completare l ' azione di ripristino dei principi di legalità all ' interno dell ' amministrazione comunale», ha deliberato la proroga per sei mesi dello scioglimento dei Consigli comunali di San Cataldo, nel Nisseno, e Mistretta, nel Messinese.