MENU
Chiudi
27/07/2018

I sindaci: «Bene, tempi rispettati Ma ora basta intoppi fino ai lavori»

Eco di Bergamo

«Abbiamo raggiunto una tappa, una tappa importante. Ora ci mancano la validazione del progetto, quindi la gara d'appalto. E poi, finalmente, la ripresa dei lavori. Ma direi che siamo a buon punto». Così il sindaco di Zogno Giuliano Ghisalberti alla notizia che il progetto esecutivo per la conclusione dei lavori alla variante di Zogno è ormai concluso e dovrebbe essere consegnato alla Regione entro fine mese.

«Dire che siamo sulla strada giusta - continua il sindaco -. Dal 3 febbraio scorso, giorno della manifestazione sulla viabilità in Val Brembana, si è arrivati all'approvazione del progetto definitivo e alla sua validazione. Ora il progetto esecutivo. Speriamo di recuperare ancora un po' di tempo nelle prossime fasi dell'iter». Nel frattempo Ghisalberti assicura che continuerà a sollecitare e chiedere informazioni periodicamente agli enti competenti.

«Continue sollecitazioni»

Soddisfazione esprime anche il sindaco di San Pellegrino Vittorio Milesi: «In qualche modo la Regione sta rispettando i tempi previsti - spiega il primo cittadino -. La validazione dovrebbe essere poco più di una presa d'atto, l'auspicio è che non ci siano intoppi durante la gara d'appalto, anche se questo non dipenderà dalla Regione». E Milesi sottolinea ancora una volta l'importanza delle gallerie di Zogno anche per lo sviluppo di San Pellegrino.

«Più volte il gruppo Percassi ha ricordato che per aprire il cantiere del centro residenziale-commerciale e del nuovo hotel Terme - spiega il sindaco Milesi - attende quanto meno l'avvio dei lavori della variante di Zogno».

Milesi prende l'occasione per tornare anche su lavori e progettazione della Treviolo-Villa d'Almè. Se per il tratto Treviolo-Paladina possiamo osservare con favore l'avvio dei lavori, sulla progettazione della Paladina-Villa d'Almè restiamo preoccupati, per le prese di posizione del sindaco di Sorisole e del Parco dei Colli. Dalla Provincia attendiamo aggiornamenti sull'iter, sulle decisioni più importanti».

Tornando alla variante di Zogno, a sottolinearne l'attesa da parte di residenti, turisti e imprenditori, è anche il sindaco di Lenna Jonathan Lobati. «Speriamo che ora le prossime tappe dell'iter procedano velocemente - dice -. La variante resta fondamentale per la valle, in particolare per tanti imprenditori da cui ricevo periodicamente sollecitazioni in merito».

Altri progetti per la valle

«Resta importante, ora, tenere alta l'attenzione - aggiunge il consigliere regionale della Lega Alex Galizzi, di Camerata Cornello - perché la variante costituisce un'opera indispensabile per lo sviluppo della valle. La tempistica per ora è rispettata ma continuerò a sollecitare gli uffici regionali competenti».

E Galizzi guarda anche oltre: «La variante di Zogno, la Treviolo-Villa d'Almè sono prioritarie - continua - ma in futuro sarà opportuno tornare a pensare anche alla variante in galleria di San Giovanni Bianco e, perché no, togliere dal cassetto anche le ipotesi che si erano fatte per i collegamenti con la Valtellina, magari in galleria. Ma ora pensiamo a Zogno». • G. Gh.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore