scarica l'app
MENU
Chiudi
17/10/2020

I ragazzi del ‘De Amicis’ si trovano in piazza

QN - Il Resto del Carlino

La rimpatriata
«Non possiamo più rimanere a guardare e a difesa di tutto il settore ci stiamo organizzando in una associazione regionale di ingegneri ed architetti che vigilerà e segnalerà tutti i tentativi di elusione del chiarissimo disposto normativo vigente». Ad annunciare battaglia è Alessio Pipinato, 41 anni, che prende posizione a seguito della notizia della collaborazione tra il Politecnico di Milano e il Comune di Taglio di Po. In pratica l'università farà i progetti per la ristrutturazione della scuola del paese. Il concetto che sta alla base della protesta di Pipinato è che le università dovrebbero fare ricerca e didattica. La progettazione, la concretezza del quotidiano sarebbe il settore di competenza dei professionisti iscritti agli Ordini. E Pipinato non è proprio uno qualsiasi, laurea con il massimo dei voti in ingegneria a Padova seguita dal dottorato di ricerca in strutture a Trento e dalla laurea in architettura a Venezia. È un libero professionista dopo aver insegnato diversi anni all'Università di Padova come prof a contratto. «Da qualche anno le università venete e non solo stanno sempre più dedicandosi a servizi di ingegneria ed architettura, affidati da enti locali, nella completa disapplicazione del codice dei contratti - rileva -. Questa situazione sta danneggiando le migliaia di professionisti nel campo dell'ingegneria ed architettura, che vengono così tagliati fuori da incarichi relativi per lo più a edifici pubblici, ponti e viadotti». Ma la normativa cosa dice? È lo stesso ingegnere a spiegarlo: «Il codice degli appalti è molto chiaro, prevede che siano specifici soggetti a esercitare i servizi di ingegneria e architettura, risultando palesemente escluse le università. Le quali valicano abilmente il disposto normativo trasformando spesso i servizi previsti dal codice in 'studi' o 'ricerche', edulcorando i loro servizi con profonde e inarrivabili scoperte scientifiche che invero non sono altro che progetti di ingegneria ed architettura». t. m.