MENU
Chiudi
10/10/2018

I pg insistono: «Sala a processo» La Corte deciderà solo a gennaio

Il Giornale

CASO EXPO
È stata fissata per il prossimo 25 gennaio l'udienza davanti alla corte d'Appello per discutere il ricorso della Procura generale contro il proscioglimento del sindaco Giuseppe Sala dall'accusa di abuso d'ufficio per l'affidamento senza gara alla Mantovani spa della fornitura di 6mila alberi per Expo 2015. Il proscioglimento per Sala (che è a processo per falso in un altro filone, mentre è stata archiviata l'ipotesi di turbativa d'asta) era stato deciso dal gup Giovanna Campanile lo scorso 29 marzo. Dopo l'udienza di gennaio la seconda Sezione della corte d'Appello dovrà decidere se mandare a processo il sindaco assistito dai legali Salvatore Scuto e Stefano Nespor, come chiedono i sostituti pg Vincenzo Calia e Massimo Gaballo, o confermare il proscioglimento. Il gup aveva dichiarato il non luogo a procedere «perché il fatto non sussiste» nei confronti di Sala e dell'ex manager Expo Angelo Paris. Anche per quest'ultimo i sostituti pg hanno insistito con la richiesta di processo. Per la Procura generale, Sala avrebbe travalicato i limiti dei poteri di deroga di cui godeva in virtù del ruolo di commissario unico. Poteri che avrebbe usato in modo improprio applicando la deroga prevista dal codice degli appalti per i servizi, per cui era possibile l'affidamento diretto, a una fornitura per la quale invece avrebbe dovuto indire una gara pubblica. Se all'udienza di gennaio arrivasse il secondo proscioglimento, l'accusa potrebbe comunque ricorrere in Cassazione.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore