MENU
Chiudi
29/09/2018

I BANDI Erano bandi dedicati al Giubileo straordin…

Il Messaggero

I BANDI
Erano bandi dedicati al Giubileo straordinario della Misericordia. Era il 2015. Erano stati stanziati fondi importanti, prima un milione e sette e poi quasi tre milioni di euro. In tutto circa cinque milioni di euro. Soldi per la manutenzione delle caditoie dei Municipi. I bandi sono scaduti, il giubileo è finito, la misericordia forse è l'ultima spiaggia. Mentre la stagione delle piogge sta per cominciare quei bandi sono fermi. I soldi ci sono, le offerte sono arrivate a fine agosto, ma la commissione di gara si deve ancora insediare.
L'ultimo via libera dal dipartimento che certificava con le firme dei dirigenti che i fondi ci sono, sono disponibili e sono tutti per pozzetti stradali, caditoie e disostruzione di materiali e detriti, risale al 28 febbraio.
LA CIRCOLARE
Sette mesi fa. E questa lentezza esasperante è problema noto ai piani alti del Campidoglio. Dal segretariato generale prima delle ferie di agosto è partita una circolare indirizzata proprio ai dirigenti chiedendo loro di essere più presenti nelle commissioni capitoline e soprattutto in quelle municipali, dove puntualmente arriva loro l'invito che loro altrettanto puntualmente disertano. Il segretariato sottolinea infatti che i manager sono fondamentali per fornire assistenza tecnica e giuridica. E quindi per far marciare le decisioni politiche in modo spedito ed efficiente.
Il presidente della commissione Commercio Andrea Coia conferma l'andazzo: «È vero si assentano spesso e servono per la stesura dei provvedimenti definitivi. Nella mia commissione non vengono quasi mai e mandano dei delegati, spero che il problema si risolva presto».
I dirigenti sono un anello decisivo per la filiera amministrativa.
Basti pensare che quei lavori sui tombini potrebbero partire subito e invece slitteranno a dicembre, quando le caditoie avranno già vissuto due mesi intensi di piogge e foglie, il mix perfetto per otturarle e trasformare le strade di Roma in piccoli grandi fiumicciatoli.
I bandi giubilari erano perfetti non solo perché mettevano a disposizione risorse straordinarie dedicate all'evento ma anche perché destinavano soldi ripartiti in quattro lotti su tutti i municipi.
E invece si procede a macchia di leopardo cercando di dare priorità alle strade di grande viabilità e, aprendo i cantieri? No. Pubblicando «ulteriori procedure di gara per incrementare gli interventi già programmati in particolare nei mesi autunnali e invernali». Insomma, la macchina è ingolfatissima. Ma non è un problema visto che dall'amministrazione gli appalti da realizzare con fondi giubilari sono considerati «in corso e a buon punto».
Alla pulizia delle caditoie è dedicata ogni anno una speciale attenzione a partire da metà estate, assicurano dal Campidoglio. Tra l'altro, anche qui, ci sono compiti ripartiti in modo diverso. Il Dipartimento Lavori pubblici si occupa dell'interno delle caditoie. Tutto ciò che rimane fuori, quindi il fogliame o i rifiuti è competenza di Ama. Ma non basta. Eppure i tombini sarebbero in cima alle priorità. Le risorse stanziate sono circa 12 milioni di euro per i dodici accordi quadro di manutenzione ordinaria Strade.
Stefania Piras
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore