scarica l'app
MENU
Chiudi
07/05/2020

I 376 boss scarcerati Ecco la lista riservata che allarma le procure

La Repubblica - Salvo Palazzolo

I penitenziari e l'emergenza covid
Mafiosi e narcotrafficanti mandati a casa nell'ultimo mese e mezzo a causa della pandemia Da Palermo a Napoli, a Milano. L'elenco inviato solo una settimana fa alla commissione Antimafia Alto il rischio che i mafiosi comunichino con i clan, per questo i controlli sono continui Per 63 detenuti sono stati i direttori delle carceri a sollecitare provvedimenti
O gni giorno, per le forze dell'ordine, è un lavoro complicato controllarli tutti nelle loro abitazioni.
Più volte, anche di notte. Sono 376 fra mafiosi e trafficanti di droga. A Palermo, 61. A Napoli, 67. A Roma, 44.
A Catanzaro, 41. A Milano, 38. A Torino, 16. Tutti mandati ai domiciliari per motivi di salute e rischio Covid, nell'ultimo mese e mezzo. Una lista riservata che il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha inviato solo mercoledì scorso alla commissione parlamentare antimafia, che l'aveva sollecitata più volte al capo del Dap Francesco Basentini, che alla fine si è dimesso, travolto dalle polemiche per le scarcerazioni. Una lista che preoccupa anche i magistrati delle procure distrettuali antimafia, dalla Sicilia alla Lombardia, che continuano ad opporsi al ritorno dei boss nelle loro abitazioni, sollecitando piuttosto il trasferimento in centri medici penitenziari, che peraltro sono strutture di eccellenza della nostra sanità. «Il diritto alla salute è sacrosanto - hanno ribadito nei giorni scorsi i pm di Palermo in un'udienza in cui si discuteva dell'ennesima richiesta di scarcerazione - ma i domiciliari sono assolutamente inidonei per soggetti ad alta pericolosità». Perché resta forte il rischio che i mafiosi continuino a comunicare con il clan. Soprattutto quando così tanti, all'improvviso, si ritrovano nei propri territori.
Ecco perché i controlli delle forze dell'ordine continuano senza sosta, come disposto dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese.
L'elenco Le cinque pagine della lista riservata del Dap svelano che adesso si trova ai domiciliari uno dei boss più pericolosi di Palermo: Antonino Sacco, l'erede dei fratelli Graviano, gli uomini delle stragi del 1992-1993, per i magistrati faceva parte del triumvirato che ha retto di recente il potente mandamento di Brancaccio. Ai domiciliari è tornato anche Gino Bontempo, uno dei padrini della mafia dei pascoli che fino a gennaio dettava legge sui Nebrodi: dopo aver finito di scontare un'altra condanna aveva messo in piedi una rete di insospettabili professionisti per una maxi truffa all'Unione Europea, così ha razziato finanziamenti per milioni di euro. Ai domiciliari, per motivi di salute, è tornato anche Francesco Ventrici, uno dei principali broker del traffico internazionale di cocaina, che trattava direttamente con i narcos colombiani. Come un altro manager a servizio della 'Ndrangheta, Fabio Costantino, della famiglia Mancuso di Limbadi. L'elenco del Dap è ordinato per carcere e per giorno in cui è stato emesso il provvedimento del giudice. Dall'inizio di marzo a qualche giorno fa. Alcuni detenuti stanno scontando una condanna definitiva, dunque la decisione è stata dei tribunali di sorveglianza.
Altri sono ancora in attesa di giudizio, su questi il ministero della Giustizia non ha alcuna competenza, tutte le valutazioni spettano a gip, tribunali e corti di d'appello. Ma sono i numeri a fare impressione. Anche se dal 41 bis sono usciti solo in tre: il camorrista Pasquale Zagaria, il palermitano Francesco Bonura e lo 'ndranghetista Vincenzo Iannazzo.
Tutti gli altri erano però inseriti nei reparti della cosiddetta "Alta sicurezza 3", il circuito che ospita l'esercito di mafie e gang della droga, 9.000 detenuti in totale. Fra loro, i "colonnelli" che secondo le procure e le forze dell'ordine hanno in mano gli affari e i segreti dei clan.
La circolare La lista arrivata alla commissione parlamentare antimafia svela anche un altro numero destinato ad alimentare le polemiche di questi giorni: per 63 detenuti dell'Alta sicurezza sono stati i direttori degli istituti penitenziari a sollecitare la magistratura ad adottare provvedimenti, così come disponeva la circolare del Dap del 21 marzo, quella che voleva preservare i detenuti con alcune patologie dal rischio Covid. E in assenza di un piano di trasferimenti predisposto dal Dap nei centri medici penitenziari i giudici non hanno potuto far altro che disporre i domiciliari per tutti. E, ora, resta quell'elenco dei 376.
Dietro ogni nome, le storie di uomini e donne con problemi di salute e il loro diritto a essere curati.
Ma anche le storie di uomini e donne che hanno segnato le pagine più drammatiche delle nostre città. Storie che spesso si intrecciano con quelle di chi ha trovato il coraggio di ribellarsi alle mafie.
Ciro Quindici, del clan Mazzarella di Napoli, anche lui adesso ai domiciliari, fu denunciato da un ambulante del rione Forcella, stanco di pagare il pizzo. Anche Emilio Pisano, il cognato del boss di Arena ora tornato in Calabria, venne denunciato da un cittadino coraggioso: un imprenditore che non voleva pagare la tassa mafiosa del 5 per cento sull'appalto che si era aggiudicato. A Reggio Emilia, un commerciante aveva invece denunciato gli esattori del clan Grande Aracri, fra loro c'era Marcello Muto, un altro nome segnalato dal Dap.
Nella lista adesso al vaglio dell'Antimafia ci sono soprattutto i nomi di chi continua a conservare tanti segreti. Giosuè Fioretto era uno dei cassieri dei Casalesi. Rosalia Di Trapani non era solo la moglie del boss della Cupola Salvatore Lo Piccolo, era la sua consigliera. Nicola Capriati era un manager della droga inviato in missione dalla Sacra Corona Unita a Verona. Vito D'Angelo è uno degli anziani della nuova Cosa nostra dell'imprendibile Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993.
Eccola, la preoccupazione più grande di magistrati e investigatori. Ognuno di questi uomini tornati a casa conserva un pezzo di segreto. Più o meno grande. Su patrimoni mai trovati, su relazioni mai scoperte. I segreti che potrebbero diventare il terreno della riorganizzazione delle mafie. Fuori dal carcere Padova Milano Torino Bologna Firenze Roma Bari Cagliari Napoli Catanzaro Palermo 21 11 5 Affidamento ai servizi sociali 4 16 9 2 5 22 7 3 33 14 6 Esecuzione presso il domicilio di pene inferiori a un anno Fonte: Dipartimento amministrazione penitenziaria Periodo: marzo-aprile 8 30 52 49 15 12 196 TOTALE Detenuti accusati di reati di mafia e traffico di droga, in attesa di giudizio, agli arresti domiciliari 155 TOTALE Condannati per mafia e traffico di droga posti in detenzione domiciliare 30 9 2 11
Uno Stato democratico garantisce la salute del detenuto. Per i boss una cura in sicurezza.
Così Roberto Saviano su Repubblica due giorni fa I personaggi Il padrino Antonino Sacco, erede dei boss palermitani delle stragi Il cassiere Giosuè Fioretto, ritenuto contabile dei Casalesi Il manager Gino Bontempo, boss accusato di una truffa alla Ue

punti

Dall'emergenza alle scarcerazioni

1

2

3

La circolare ll 21 marzo, il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria invia una nota ai direttori delle carceri perché vengano segnalati i detenuti a rischio Covid ai magistrati I provvedimenti Da metà marzo, i giudici in tutta Italia iniziano a disporre i domiciliari per detenuti di mafia con problemi di salute perché non ci sono posti nei centri sanitari penitenziari
Le polemiche Dopo l'avvio delle scarcerazioni, la Lega di Salvini ha attaccato duramente il governo dicendo che lo Stato aveva ceduto e rimetteva in libertà i boss