scarica l'app
MENU
Chiudi
06/01/2020

Hermitage, da sei mesi senza stipendio

Il Messaggero

Il sindacato: «La cooperativa che la gestisce è in liquidazione» L'appalto sta per scadere e a breve sarà bandita una nuova gara
FIUGGI
Senza stipendio da luglio, il Comune di Fiuggi al fianco delle lavoratrici della casa di riposo comunale, ma data in gestione, «Hermitage».
«L'amministrazione comunale - scrive il Comune - è vicina alle lavoratrici che stanno attraversando un periodo difficile e lavora senza sosta per garantire, dopo anni, una soluzione stabile, duratura e volta alla massima efficienza di una struttura fondamentale per il nostro territorio».
A prendere posizione sulla vicenda delle 14 operatrici in servizio presso la casa di riposo fiuggina, già nota alla cronaca da diversi anni per il problema cronico del mancato pagamento degli stipendi, è l'assessore con delega ai servizi sociali, Simona Girolami. Sulla situazione di forte disagio lamentata dalle maestranze e sul futuro stesso della Hermitage, aveva acceso i riflettori la Cisal.
«Rispetto al passato aveva denunciato il segretario provinciale Cisal Massimo Arilli - ora la situazione è diventata davvero pietosa e insostenibile in quanto le lavoratrici non percepiscono più lo stipendio da luglio dello scorso anno».
La casa di riposo Hermitage, di proprietà del Comune di Fiuggi, presta assistenza a una trentina di persone, anziane e disabili, che pagano la retta mensile al Consorzio Valcomino, aggiudicatario dell'appalto dal 2010. La gestione del personale dipendente è affidata alla cooperativa «La Ginestra», in liquidazione dal dicembre 2018 fa sapere la Cisal che mette in luce una evidente sofferenza economica di cui, a fare le spese sono (per primi) i lavoratori.
«Il 14 novembre scorso riporta la nota del sindacato abbiamo richiesto al Consorzio Valcomino e alla cooperativa La Ginestra un incontro urgente, ma con assoluto sprezzo nei confronti delle lavoratrici e del sindacato che le rappresenta, non si è avuto un minimo riscontro; è stata inviata una pre-diffida e messa in mora intimando il pagamento delle spettanze entro il 31 dicembre 2019, ancora senza riscontro».
E' stato chiesto anche l'intervento dell'ispettorato territoriale del lavoro di Frosinone ed è stato coinvolta l'amministrazione comunale di Fiuggi: «Il mio assessorato ha spiegato Girolami si è messo fin da subito a totale disposizione delle lavoratrici, cooperando già da tempo con le medesime e con i sindacati per mettere in atto tutte le azioni idonee a risolvere la problematica in atto. Contemporaneamente aggiunge l'assessore nonostante l'esistenza di arretrati non pagati, abbiamo lavorato alacremente affinché fosse comunque garantito alle dipendenti il pagamento di almeno una retribuzione al mese».
L'appalto, comunque, sta per scadere e ora si attende la nuova gara.
Annalisa Maggi