scarica l'app
MENU
Chiudi
02/12/2019

GUBBIO Dai tre dipendenti comunali andati in pensi…

Il Messaggero

GUBBIO Dai tre dipendenti comunali andati in pensione all'appalto esterno utilizzando la stazione unica appaltante della Provincia di Perugia: è la scelta che ha fatto il Comune per la biblioteca Sperelliana scegliendo il bando di gara attraverso cui affidare il servizio di gestione del pubblico e del patrimonio documentario per il periodo dal primo gennaio 2020 al 31 dicembre 2021, con la possibilità di rinnovo del contratto per ulteriori tre anni.
È la risposta della Giunta Stirati ai tre pensionamenti che mandano in crisi la struttura, al di là delle diatribe politiche sollevate se sia più opportuno come alternativa ricorrere a personale interno oppure bandire un concorso pubblico senza affidare il servizio all'esterno.
Sulla Gazzetta Ufficiale, numero 134 del 15 novembre scorso, è riportato l'atto che il Comune non ha pubblicizzato nelle proprie comunicazioni di stampa ma solo nella sezione dei bandi di gara e contratti, così come non c'è traccia nel sito della stessa biblioteca. Ci sono le disposizioni a firma del dottor Stefano Rossi, dirigente del servizio stazione appaltante della Provincia. E' specificato che il valore complessivo dell'appalto è stimato in 606.280 euro (esente Iva), di cui 6.000 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso.
Il valore presunto del servizio per i primi tre anni è stato stimato in 303.140 euro (Iva esente), di cui 3.000 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e 286.140 euro di costi della manodopera soggetti a ribasso. Il termine per il ricevimento delle domande di partecipazione è fissato a mezzogiorno del 18 dicembre, con le buste delle offerte che verranno aperte l'indomani alle ore 10. C'è chi avanza perplessità sulla procedura, la gestione della gara d'appalto e la prospettiva del servizio con ventilati esposti aspettando l'apertura delle buste.
Massimo Boccucci