scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/05/2021

Grocco, bando per nuovi posti e iniziative estive di qualità

Il Tirreno - Luca Signorini

Il piano allo studio dell'assessora Francesca Greco per rivitalizzare il mercatino Una nuova gara assegnerà inoltre altri spazi con vendita di prodotti alimentari zona termale
Luca SignoriniMontecatini. Sul mercatino del Grocco La Salute sono tre le linee d'azione del Comune: un nuovo bando per ampliare le categorie merceologiche che possono ambire all'assegnazione di un posteggio; una serie di eventi nella stagione estiva; un restyling all'immagine delle bancarelle, perlomeno per coprire il grigio dei rotolanti in lamiera tirati giù (che è il colore dominante da mesi). I primi due punti sono realizzabili nel breve periodo: il bando a giugno e gli eventi tra luglio e settembre. Per il terzo i tempi sono più lunghi: serve una modifica al regolamento urbanistico che non si ottiene dalla sera alla mattina. C'è anche una quarta intenzione: ridurre del 50% la tassa per l'occupazione del suolo pubblico. Spiega le operazioni in cantiere l'assessora ad attività produttive e turismo Francesca Greco. «Il 14 maggio scade il primo bando per l'assegnazione di 17 banchi non alimentari, ne seguirà un secondo per collocare altri 16 posti con la possibilità di vendere anche prodotti alimentari confezionati». Dunque niente street food, hamburger e cucine a cielo aperto, «non possiamo fare concorrenza all'osteria del Grocco e ai due bar presenti», sottolinea Greco. Saranno accettati solo prodotti tipici ben sigillati, con l'indicazione di consumarli altrove. Poi le iniziative. «La zona del mercatino è la più sacrificata in assenza di turisti, lontana com'è dal centro - va avanti l'assessora - serve una motivazione per attirare sul posto il visitatore individuale, e anche il cittadino». Sei appuntamenti erano già pronti e in calendario da gennaio a marzo. L'emergenza sanitaria ha rimandato tutto. Coprifuoco permettendo (ma sembra che il limite delle 22 possa essere superato nelle prossime settimane), è auspicabile che da luglio possa ritornare una vita anche notturna. «Pensiamo a piccoli eventi ma di qualità, con musica, concerti, artisti di strada, e qualcosa legato al tema dell'acqua, vista la vicinanza con lo stabilimento della Salute e il parco termale». Greco lavora ai fianchi l'assessore al bilancio Alessandro Lumi per farsi concedere i denari necessari: con meno di 40mila euro si fa poco o nulla, «non solo per promuovere il Grocco, ma per motivare le persone a visitarlo». È certamente più complesso da realizzare il progetto per dare un nuovo volto - più moderno e attraente - al mercatino. Riprende la vicesindaca: «Sulla questione ne stiamo parlando con l'assessore Emiliano Corrieri. Vorremmo procedere a una revisione degli strumenti urbanistici per ridare dignità all'elemento bancarella e agli operatori che vi lavorano. Pensiamo di rendere i posteggi più sostenibili e green, e anche più belli. Per esempio con disegni, graffiti, un percorso di pop art e di teloni colorati, sul modello degli ombrelli appesi di Pietrasanta».Insomma una bella lucidata di fresco attesa da tempo al Grocco. Solo che per mettere mano al piano strutturale ci vogliono mesi, se non anni. E i commercianti già provati non posso aspettare oltre questo annunciato cambio di passo. La ricetta è una: «Mi auguro che con un po' di pazienza si riparta - conclude Greco - per me il mercatino del Grocco ha un potenziale enorme». --© RIPRODUZIONE RISERVATA