scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/07/2021

Grafica Veneta, la Cgil: «Dall’indagine elementi sconcertanti»

Il Manifesto - RICCARDO BOTTAZZO

NELL'AZIENDA CHE HA STAMPATO HARRY POTTER 11 ARRESTI CON ACCUSE GRAVISSIME
Per Cristina Guarda (Europa Verde) la società è vicina al governatore Zaia
II «Mi domando che razza di paese sia quello in cui ci si lamenta della disoccupazione ma si rifiuta il lavoro. Su 25 posti aperti ne ho coperti solo 4 in tre mesi. Qualche ragazzotto che dà la disponibilità c'è ma poco dopo rinunciano per via dei turni che reputano troppo pesanti». Così, nell'aprile del 2018 si lamentava in un'intervista l'amministratore unico di Grafica Veneta, Fabio Franceschini. Una personalità di spicco nell'editoria nazionale, tenuto conto che l'azienda di Trebaseleghe (Padova) pubblica best seller come la saga di Harry Potter e la biografia di Barack Obama. Già grande amico del governatore del Veneto Giancarlo Galan, prima della sua rovinosa caduta, Franceschini si era lasciato convincere a candidarsi al parlamento nel 2018 nel collegio di Vicenza con i colori di Forza Italia ricavandone però la classica trombatura per l'inaspettato balzo in avanti della Lega. Parole, queste del patron di Grafica Veneta sulla poca voglia di lavorare dei giovani, che assumono tutto un altro sapore dopo l'inchiesta dei carabinieri di Padova sullo sfruttamento dei lavoratori stranieri in forza alla sua azienda che hanno portato all'arresto di 11 persone accusate, tra le altre cose, di rapina, estorsione e sequestro di persona. Nove degli arrestati sono di origine pakistana. Secondo gli inquirenti, facevano parte di un'organizzazione specializzata nello sfruttare i connazionali, obbligandoli a vivere e a lavorare in condizioni inumane negli stabilimenti della Grafica e utilizzando metodi violenti come pestaggi, minacce alle famiglie e sequestri. L'inchiesta infatti è cominciata dopo il ritrovamento di un lavoratore pakistano legato, picchiato e abbandonato ai bordi di una statale di Piove di Sacco (Padova). Gli ultimi due arrestati sono però due pezzi grossi di Grafica Veneta: Giorgio Bertan, amministratore delegato, e Giampaolo Pinton, direttore dell'area tecnica dell'azienda. Il patron, che non risulta indagato, ha comunque espresso parole di fiducia nei confronti dei suoi stretti collaboratori finiti in manette sottolineando «la piena stima e il completo supporto». Diverso il parere degli inquirenti secondo i quali i due erano perfettamente a conoscenza dei metodi usati dall'organizzazione pakistana. Mentre la magistratura prosegue le indagini, emergono particolari raccapriccianti sulle condizioni di lavoro ai quali sono sottoposti i lavoratori, tutti assunti con contratti capestro interinali, costretti a turni di 12 ore, senza ferie e tutele, e obbligati per di più a versare parte dello stipendio all'organizzazione per pagarsi l'affitto in stanze dormitori fatiscenti riempite con una ventina di persone. Non sono mancate le reazioni sul piano politico e sindacale. Cristina Guarda, consigliere regionale di Europa Verde, ha sottolineato in un comunicato la vicinanza dell'azienda con il presidente veneto Luca Zaia. In più occasioni infatti, il Governatore leghista ha espresso ammirazione e pubblicamente lodato la Grafica per aver fornito 2 milioni di mascherine ai tempi della prima ondata pandemica. «Vista oggi, quella di Grafica Veneta sembra solo una azione di ethics washing . Chiediamo alla Regione di valutare tutti gli strumenti idonei a tutela della propria immagine e della qualità del lavoro in Veneto. Anche per valutare se ci sono altri casi come questi nel nostro territorio». Per la Cgil regionale, il caso di Grafica Veneta dimostra una volta ancora come il sistema degli appalti e delle esternalizzazioni sia un sistema malato. Premesso che spetta alla magistratura fare luce sull'intera vicenda, Christian Ferrari, segretario generale della Cgil del Veneto, ha commentato: «Quanto emerge dall'indagine è già di per sé sconcertante. Stiamo parlando di lavoratori ridotti sostanzialmente in schiavitù. Lavoratori privati non solo dei diritti più elementari ma addirittura della loro libertà. Noi abbiamo molte volte denunciato che il fenomeno del caporalato è presente nella nostra regione nell'agricoltura, nell'edilizia e nella logistica. Ma sapere che nemmeno una azienda che è considerata un'eccellenza della nostra industria a livello nazionale e internazionale sia immune da questo fenomeno deve far riflettere tutti. E deve far agire le istituzioni».