scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
07/07/2021

Gole del Nera, bando a settembre

Corriere dell'Umbria

Narni Il vice sindaco annuncia l'imminente chiusura dell'iter burocratico relativo all'acquisto delle aree di proprietà delle Ferrovie
In dirittura d'arrivo l'ultimo passaggio prima di pubblicare l'avviso per la gestione del parco naturalistico
di Chiara Rossi NARNI K Entro l'estate si chiuderà tutto l'iter burocratico che porterà all'acquisizione delle aree della Rete Ferroviaria Italiana, dove si trova una parte del parco naturalistico delle Gole del Nera. A dare la notizia è il vicesindacoe assessore ailavori pubblici, Marco Mercuri, che negli ultimi giorni ha accelerato le pratiche per poter arrivare in breve tempo a concludere il capitolo relativo all'acquisto delle aree in questione che porterà poi ai nuovi step da compiere. L'acquisizione è infatti molto importante, perchè strettamente funzionale al bando di gestione. Solo l'acquisizione delle aree, potrà sbloccare la situazione e permettere al Comune di passare al passo successivo, ovvero la pubblicazione del bando. Dopo mesi di ritardi, dovuti anche all'emergenza covid 19 che ha congelato per lungo tempol'iter burocratico, ora sembra che la vicenda stia volgendo al termine, con un lieto fine che porterà finalmente alla gestione del parco naturalistico che ogni anno, soprattutto nella stagione estiva, conta la presenza di migliaia di turisti. Ma ricordiamo la vicenda, ormai nota, che va avanti ormaida dueanni. L'acquisizione riguarda 27 ettari di terreno, comprese le gallerie, dove è stata realizzata la pista ciclo pedonale e che sono ancora di proprietà della Rfi, che aveva dato il permesso per i lavori ma che ancora è in possesso delle aree. Il Comune di Narni aveva partecipato al bando regionale per la "Riqualificazione e valorizzazione delle aree rurali" con un progetto ben strutturato che prevedeva il completamento della funzionalizzazione del cosiddetto "Centro del Parco", edificio donato dalla Erg, che si trova alle Gole del Nera, per farne un luogo di divulgazione, di corsi ambientali, di animazione del borgo, oltre che a supporto della ciclovia del Nera. Se il progetto fosse stato selezionato, avrebbe ottenuto un cospicuo finanziamento dal quale sarebbero stati stornati anche i soldi per l'acquisizione delle aree. Invece, il progetto, è risultato come il primo degli esclusi e nella speranza che venisse ripescato, il Comune si era portato avanti con l'acquisizione. Ora, il rispescaggio è un'ipotesi ormai scartata e il percorso avviato porterà nel giro di un mese all'acquisizione e poi di conseguenza alla pubblicazione del bando di gestione che avverrà verosimilmente nel mese di settembre in modo tale che la prossima primavera tutto sarà pronto per ripartire, aggiungendo un tassello importante a quel turismo all'aria aperta che soprattutto in era di coronavirus ha preso ancora di più piede. Le Gole del Nera anche in questi giorni sono prese d'assalto da turisti ammaliati dalla bellezza dei suoi scorci. Una gestione ben strutturata non potrà che rappresentare un bene prezioso per il parco naturalistico, gioiello del territorio narnese. Meraviglia della natura A fianco un suggestivo scorcio delle Gole del Nera e un tratto del percorso ciclo pedonale Sono 27 ettari di terreno Ne fanno parte anche le gallerie comprese nella pista ciclo pedonale