scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/09/2021

Gli operai del cantiere edile di via Stelvio hanno ricevuto gli stipendi arretrati

Il Tirreno

vertenza terminata
pistoia. Hanno ricevuto la paga arretrata e ieri sono tornati a casa i dieci operai che per sei giorni avevano occupato il cantiere edile di via Stelvio, protestando sulle impalcature e sulla gru. A darne notizia sono stati i sindacalisti della Filca Cisl Toscana e della Cisl Toscana nord, che sono stati al fianco dei lavoratori della Pako srls nella loro lotta, incontrandoli quotidianamente.«La nostra federazione - spiegano i sindacalisti - si è concentrata da subito e con tutte le sue energie sulla loro vicenda. Sono stati giorni di trattative e contatti complicati con le parti in causa, di notti passate in presidio, di sacrifici. Risolvere la situazione nel miglior modo e nel minor tempo possibile era l'obiettivo. Alla fine le aziende si sono decise a pagare e a risolvere il contenzioso dopo le nostre azioni di pressione: oggi (ieri, ndr) i lavoratori, finalmente, hanno riscosso il dovuto e sono già in viaggio per Napoli». I sindacati Filca Toscana - rappresentata da Daniele Vaccaro, Stefano Tesi ed Edoardo Buongiovanni - e Cisl Toscana nord - con Massimo Bani (segretario generale) e Alessandra Biagini (segretaria territoriale di Pistoia) - si sono detti orgogliosi del risultato ottenuto.«Il cantiere di via Stelvio - commenta Bani - riporta all'esigenza sempre più impellente di tutelare i lavoratori sia dal punto di vista economico sia sotto il profilo della sicurezza nella filiera del subappalto, non possono essere i lavoratori quelli penalizzati per responsabilità che non sono loro il nostro impegno in questo senso deve continuare».Daniele Vaccaro, responsabile territoriale di Pistoia aggiunge che «sono anni che chiediamo di intervenire sulla rivisitazione codice degli appalti per una regolarizzazione definitiva e garantistica dei diritti dei lavoratori che tuteliamo». «Durante questa lunga settimana di lotta - chiosa Alessandra Biagini - la Cisl di Pistoia ha cercato, attraverso una rete di contatti, di affrontare la vicenda da tutti i punti di vista. Serviva principalmente la tutela dei diritti dei lavoratori, e la Filca ha lavorato costantemente seguendo le vie previste dalla normativa». «Ma nelle condizioni in cui si trovavano i lavoratori - proseguono i sindacati - occorreva trovare mille soluzioni a mille problemi, dal garantire loro i pasti principali al cercare di farli dormire in condizioni dignitose, e altro ancora. La vita umana per la Cisl viene prima di ogni logica di profitto, dobbiamo rimettere al centro il valore sociale del lavoro, un lavoro di qualità e la dignità della persona». La Filca Cisl Toscana e la Cisl Toscana nord ringraziano tutti coloro che si sono battuti assieme a loro «e hanno supportato la nostra azione di sostegno ai lavoratori. Un grazie doveroso - concludono i sindacati - ai residenti della zona, alle associazioni e a tutti coloro che hanno aiutato». © RIPRODUZIONE RISERVATA