scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/06/2021

Gli alberghi ceduti dall’Enpam non parleranno americano

Il Mattino di Padova - Federico Franchin

Orologio, Magnolia, Caesar, Montecarlo e Des Bains, acquisiti dal fondo Apollo, saranno rivenduti: ci sono già offerte. Chiarelli: «Il Comune sfrutti l'occasione» abano e montegrotto
ABANO termeIl futuro dei cinque hotel termali, recentemente ceduti dall'Enpam al fondo americano Apollo, non sarà a stelle e strisce, o quantomeno non sarà Apollo a rilanciare direttamente le strutture. Giovedì il consiglio di amministrazione dell'Enpam ha ratificato il passaggio del pacchetto immobiliare di proprietà dell'ente di previdenza dei medici al fondo americano. Nel pacchetto ci sono anche gli alberghi di Abano (Orologio e Magnolia) e di Montegrotto (Caesar, Montecarlo e Des Bains). La cessione, avvenuta attraverso un bando di gara, si aggira sugli 850 milioni di euro. Ma Apollo sembra avere altre mire, diverse da quelle del rilancio diretto degli hotel termali. POCO INTERESSEAd Apollo interessa principalmente il patrimonio immobiliare di Enpam a Milano e Roma, meno quello delle terme euganee: si parla infatti già di cessione più che probabile delle strutture, tanto che sullo storico Hotel Orologio, l'albergo di lusso situato in piena isola pedonale ad Abano, e sul Magnolia sembrano già esserci interessamenti concreti per l'acquisizione. Qualche interesse sembra già esserci anche sugli alberghi di Montegrotto.«Siamo felici di poter dare a queste strutture una possibilità di rilancio», commenta il presidente del consiglio di amministrazione dell'Enpam, Luigi Mario Daleffe. «Purtroppo la nostra Fondazione deve rispettare tutta la normativa sugli appalti, quindi ogni intervento deve prevedere una gara d'appalto, che allunga i tempi. Un privato potrà invece agire direttamente, scegliendosi le ditte, cosa che certamente faciliterà il rilancio degli hotel. Abbiamo ceduto queste strutture con una notevole plusvalenza. Ora reinvestiremo quei soldi in fondi immobiliari, decisamente più agili. Quanto alle strutture termali, siamo certi che in tempi brevi saranno rilanciate». Nelle prossime settimane ci saranno dei sopralluoghi da parte dei rappresentanti del fondo americano.BUONA NOTIZIA«Riteniamo un'ottima notizia la cessione da parte dell'Enpam delle strutture alberghiere di Abano e Montegrotto», commentano dai vertici di Abano Viva Daniele Donolato e la presidente del consiglio comunale Stefania Chiarelli. «Al momento non è dato sapere come intenda muoversi il fondo americano Apollo relativamente a queste acquisizioni, ma ci auguriamo che l'operazione non sia stata portata a termine con mero intento speculativo, bensì con l'obiettivo di rilanciare la vocazione ricettiva di questi hotel, dopo anni di incuria e degrado. Ci auguriamo altresì che le amministrazioni di Abano e Montegrotto sappiano cogliere questa nuova opportunità di rilancio dell'economia del territorio e dell'occupazione, senza indulgere in inutili bizantinismi e senza divisioni. Per quanto riguarda l'Hotel Orologio, l'obiettivo deve essere quello di riportarlo ad essere il centro del salotto buono di Abano, operazione che comunque non potrà ritenersi compiuta fino a che non si risolverà anche la questione del Kursaal». --Federico Franchin© RIPRODUZIONE RISERVATA