scarica l'app
MENU
Chiudi
27/10/2020

Già settanta richieste di aiuto dalle attività finite sott’acqua

La Stampa - ANGELO CONTI

alluvione, il bando di specchio dei tempi si è chiuso ieri a mezzanotte
In 43 riceveranno un contributo, continua la raccolta per altri interventi
Erano 70, ieri sera alle 20 e cioè 4 ore prima della scadenza, le candidature avanzate a Specchio dei tempi per accedere ai 43 contributi da 3 mila euro ciascuno previsti dal bando sostenuto, oltre che da Specchio dei tempi (55 mila euro), anche da Reale Foundation (50 mila), Banca Alpi Marittime (10 mila) e Confartigianato Cuneo (15 mila). Un tesoretto da 130 mila euro per aiutare la ripresa di decine di piccole e piccolissime attività commerciali, agricole ed artigiane negli otto comuni più colpiti (Ormea, Garessio, Priola, Bagnasco, Pamparato, Nucetto, Ceva e Limone). Fra oggi e domani (i week end non hanno mai fermato Specchio dei tempi) verranno verificati i requisiti di tutti i candidati, analizzate le singole situazioni dei danni, e lunedì verrà effettuata la selezione finale, tenendo come sempre in maggior evidenza i piccoli imprenditori più colpiti dalla furia dell'acqua e quelle attività il cui sollecito ripristino appare fondamentale per la ripresa della vita nelle comunità. Contiamo di contattare i vincitori martedì (via email o via telefono) e cominciare ad inviare i primi bonifici già mercoledì, non appena in possesso dei riferimenti bancari. Come sempre senza perdere tempo. L'iniziativa è stata anche personalmente seguita dal presidente di Specchio, Lodovico Passerin d'Entreves: «Il bando alluvione, che prosegue analoghi interventi fatti in estate per sostenere le imprese più danneggiate dal lockdown, rappresenta il più efficace strumento per consentire una rapida ripresa. Consente anche di raggiungere tutti i comuni più gravemente colpiti, dividendo in modo costruttivo le risorse fra coloro che ce le hanno richieste». Specchio dei tempi è comunque attivo anche sul territorio. Sono già stati decisi ed inoltrati una serie di aiuti facendo riferimento alla sottoscrizione popolare che ha già permesso di raccogliere complessivamente oltre 285 mila euro (130 dei quali riferiti al bando) attraverso 610 singole donazioni. Già erogati consistenti aiuti al Centro di formazione professionale di Ceva (10 mila euro), all'asilo comunale ancora di Ceva (10 mila), al Centro polifunzionale di Nucetto (10 mila euro) ed al Parco Pollicino di Ormea (10 mila euro). In queste ore sono in fase di valutazione interventi anche in altri comuni, tenendo in evidenza anche alcune richieste arrivate dai sindaci. Scelte, comunque, che verranno completate entro tre-quattro giorni al massimo. Sempre per garantire la tempestività, che in queste situazioni è fondamentale per dare slancio e speranza a chi è stato colpito. -

Tutti possono donare Ecco come farlo

Tutti possono aiutare le popolazioni alluvionate del Piemonte. Con un bonifico bancario sul conto corrente intestato a Fondazione - La Stampa Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, Codice IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo, con la dicitura «Fondo 610 - Alluvione Piemonte». O tramite conto corrente postale numero 1035683943, intestato a Fondazione La Stampa Specchio dei tempi,via Lugaro 15, 10126 Torino, sempre con l'indicazione «610 - Alluvione Piemonte». O ancora agli sportelli dell'Ufficio abbonamenti de La Stampa in via Lugaro a Torino. Allo Specchio Point di Via Santa Maria 6H, sempre a Torino (dalle 9 alle 13, dal lunedì al sabato). È possibile utilizzare la carta di credito per donazioni online sul sito www.specchiodeitempi.org. Tutti i versamenti (esclusi quelli in contanti) sono fiscalmente deducibili. Info allo 011/6568376. -

Foto: Il sopralluogo di Specchio dei tempi a Ceva con il sindaco Bezzone. Volontari al lavoro alla struttura polifunzionale del Gurei a Nucetto