scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/04/2021

«Gestione informatica della sanità veneta a una società segnalata dall’Anticorruzione»

Il Mattino di Padova - Albino Salmaso

Ostanel e Camani sollevano il caso Engineering: «Appalti prorogati, ci vuole trasparenza. La Regione chiarisca» le spese per affrontare la pandemia
Albino Salmaso / padovaDopo le critiche sui vaccini, i partiti di opposizione tornano alla carica e con un'interrogazione invocano trasparenza negli appalti dei servizi informatici che costano milioni. «È vero o no che i sistemi web sanitari regionali sono sviluppati e gestiti da un'azienda segnalata da Anac? La Regione chiarisca in tempi rapidi e non tra un mese», dicono in coro Elena Ostanel, Vanessa Camani, Andrea Zanoni, Anna Maria Bigon, Cristina Guarda e Arturo Lorenzoni. La lista delle emergenze si allunga: con il portale delle prenotazioni dei vaccini in tilt da overbooking e l'app "Zero Contagi" mai decollata, la svolta digitale appare lastricata più di annunci che di risultati concreti. La legge sulla privacyUn passo alla volta. Il 14 novembre scorso, con 40 voti a favore e 10 astenuti è stata approvata la legge chiesta dal garante della privacy per far decollare la app made in Veneto più sicura di Immuni nel tracciamento e per la telemedicina, a giudizio della Lega. La novità sta nei 200 mila euro stanziati, ma tutto è fermo. Il presidente del Veneto, qualche sera fa a Porta a Porta, ha dovuto far buon viso a cattiva sorte quando Vincenzo De Luca ha mostrato a Vespa la card del passaporto sanitario da scaricare sul cellulare. Campania first in Europa, il verbo dell'autonomia regala spesso sorprese. L'ultimo grattacapo riguarda l'assegnazione dei contratti, affidati in proroga da Azienda Zero che qualche mese fa ha cambiato direttore generale: Patrizia Simionato ha lasciato il posto a Roberto Toniolo. A Venezia dicono che i grattacapi sono nati da quando Lorenzo Gubian ha abbandonato il quartier generale di Marghera per guidare Aria, la società che in Lombardia gestisce i servizi informatici, vera croce per il presidente Fontana e la sua vice, Maria Letizia Moratti che ha preso il posto dell'assessore Giulio Gallera. Gubian e Aria in lombardiaIl Cda di Aria è stato destituito dopo l'ennesimo flop, solo Gubian rimane in sella ma le prenotazioni dei vaccini in Lombardia ora sono affidate al portale di Poste Italiane. Il Veneto invece ha sperimentato il sistema del codice fiscale della tessera sanitaria. Ci vuole pazienza e tanta fortuna per fissare il giorno dell'iniezione, ma la polemica infuria. «È evidente che va fatta chiarezza su una materia molto complessa, ci auguriamo che il presidente Zaia la prossima settimana venga in consiglio per spiegare sia il piano dei vaccini sia l'affidamento degli appalti: ci vuole massima trasparenza» afferma Vanessa Camani. La consigliera regionale del Pd ha depositato un'interrogazione firmata anche da Elena Ostanel, (Veneto che vogliamo) in cui solleva parecchi interrogativi, nati dopo la pubblicazione di un articolo del "Fatto quotidiano". Cosa dice l'opposizione? Vuole sapere da Zaia e dall'assessore Lanzarin «quali valutazioni siano state svolte rispetto a Engineering Ingegneria informatica prima di procedere all'affidamento degli incarichi visto che l'azienda è finita nella lista Anac delle aziende con criticità, misura che però non comporta l'esclusione dalle gare pubbliche». La lista dell'Anticorruzione«La vicenda è legata all'inchiesta scattata il 23 giugno 2020, quando la procura di Milano ha arrestato 13 persone per una storia di corruzione nell'azienda che gestisce le metropolitane nel capoluogo. Al centro dell'indagine c'è un funzionario di Atm, accusato di avere falsato 8 gare d'appalto. (...) Ai domiciliari finirono pure quattro manager di Engineering (...)"».L'azienda, un colosso nato a Padova 40 anni fa e quotato in Borsa, replica che «non esiste alcuna "black list" di Anac. Quest'ultima si limita ad iscrivere nel casellario informatico delle imprese le informazioni utili alle Amministrazioni senza che tale iscrizione abbia effetto escludente. Nell'ottica di massima trasparenza, Engineering ha informato le Stazioni Appaltanti dei fatti oggetto di indagine, ben prima che Anac comunicasse l'iscrizione della risoluzione contrattuale», si legge nella nota ufficiale.Gli appalti imn prorogaBasta come rassicurazione? Camani e Ostanel chiedono lumi sul contratto d'appalto stipulato nel 2015 relativo alla gestione di una parte del sistema informativo socio-sanitario della Regione. Si tratta di 26 milioni di euro assegnati a Engineering, InterSystem Italia, A-Thon e Santer Reply. Il 28 aprile 2020 Lorenzo Gubian affida in regime di proroga per l'emergenza Covid un contratto per la biosorveglianza: vale a dire il referto dei tamponi, l'anagrafe regionale, il fascicolo sanitario elettronico e l'isolamento dei contagiati. L'appalto da 1, 5 milioni viene assegnato con "somma urgenza".Il sistema funziona e Zaia ne va orgoglioso. --© RIPRODUZIONE RISERVATA.