MENU
Chiudi
07/12/2018

Gestione delle terme Scoppia la polemica

Gazzetta del Sud

C erchiara
C E RC H I A R A Gestione delle Terme, insorge la minoranza consiliare. A parlare è il consigliere Antonio Valentino. "Dobbiamo fermare una scelta scellerata del sindaco Carlomagno che rischierebbe di sottrarre alla comunità cerchiarese e del comprensorio del Pollino uno dei patrimoni pubblici più importanti del territorio". Il capogruppo consiliare di Opposizione, chiama a raccolta la cittadinanza in occasione del Consiglio comunale, convocato il prossimo lunedì per discutere della revoca della Delibera consiliare con la quale l ' esecutivo ha affidato in concessione il parco termale " Grotta della Ninfe " ed i lavori di completamento del centro benessere. «Ribadisco - dice Valentino - di essere contrario a questo affidamento dal momento che si poteva pensare di affidare in gestione solo il centro benessere considerato che è una struttura ancora da completare (nonostante fosse stata fatta pure la cerimonia di inaugurazione), ma il plesso termale delle Ninfe, però, è impensabile che passi in mano al privato, ma deve rimanere di gestione comunale e quindi di esclusiva fruizione della collettività cerchiarese. Affidando ad un privato tutto ciò che si trova all ' interno del perimetro del parco - spiega ancora Valentino - e quindi dalla struttura, alle attrezzature, passando per gli spazi ristoro e il bar, i cerchiaresi così come anche tutti i cittadini dovranno sempre chiedere il permesso e soprattutto pagare il privato per qualsiasi iniziativa intenda intraprendere all ' interno delle terme. E questo è inconcepibile. Tra l ' altro - denuncia a n co r a - il bando di affidamento presenta dei gravissimi errori di valutazione tecnica in violazione del codice degli appalti. Basta leggere l ' onere di gestione, pari a 60mila euro l ' anno, per capire come sia abominevole e capestro questo contratto che va a solo danno della comunità e a vantaggio del gestore che ne beneficia. Pertanto, come gruppo di opposizione - ricorda Valentino - abbiamo intrapreso l ' iniziat iva di segnalare all ' agenzia nazionale anticorruzione tutti i difetti di procedura riscontrati. Non solo, l ' Amministrazione Carlomagno si è fatta protagonista di un altro grande abuso, atteso che la sorgente termale è di proprietà della Regione, che ha affidato la gestione diretta dell ' area al Comune con apposito decreto il numero 12888 del 19 settembre 2013 e che, dunque, non è cedibile in sub concessione». ( ro. ge . ) Panoramic a A Cerchiara si litiga per la gestione delle Terme

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore