scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/04/2021

Gestione delle aree blu Via all’iter per la gara

La Gazzetta Del Mezzogiorno

OSTUNI
l OSTUNI. Attivata la procedura di gara per l'affidamento, tramite la piattaforma telematica di e-procurement «Tuttogare» della società «Studio Amica» per l'in dividuazione del nuovo contraente per l'affidamento in concessione della «Gestione delle aree pubbliche destinate alla sosta non custodita a pagamento mediante l'utilizzo di parcometri elettronici per la disciplina e l'esazione delle tariffe» (strisce blu). Aperta a tutti gli operatori economici e con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa per un importo presumibile complessivo dell'appalto quadriennale, ammontante a un milione e 700.000 euro riveniente dalla somma del pagamento dei ticket corrisposti dagli utenti delle aree di sosta a pagamento che l'Appalta tore dovrà corrispondere all'A.C. e dall'importo pari a 8 euro per ogni sanzione elevata dagli ausiliari del traffico ed effettivamente incassata che il Comune dovrà corrispondere al concessionario del servizio. Si procederà all'aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida mentre il comune si è riservata la facoltà di non procedere all'aggiudicazione se nessuna offerta risulterà conveniente o idonea in relazione all'oggetto del contratto. Come si ricorderà, la gara ad evidenza pubblica, ha subito vari problemi con l'intervento del Tar che aveva sospeso l'efficacia degli atti impugnati mentre la Giunta, con delibera n. 29 dell'11 febbraio scorso, «al fine di salvaguardare la stabilità occupazionale del personale dipendente», ha deliberato di prevedere la clausola sociale, con la conseguente conferma del personale già in servizio con le funzioni di ausiliario del traffico, pari a 6 unità e di incaricare il dirigente del settore Gare e Appalti di espletare la nuova gara d'appalto, annullando quella indetta in precedenza. Infatti la 3° sezione del Tar di Lecce (presidente, Enrico d'Arpe ed estensore, Anna Abbate che ha relazionato nella camera di consiglio del 22 dicembre), con sentenza n. 4/2021, udite le parti, accoglieva «l'istanza cautelare proposta dai ricorrenti» e «fissa la trattazione di merito per l'udienza pubblica del 13 aprile 2021». Al fine di «addivenire prima del prossimo 13 aprile (data fissata dal Tar per la trattazione di merito), ad una conclusione del procedimento, ad evidenza pubblica, volto ad individuare il contraente che appalterà il servizio» della gestione dei parcometri, l'Amministra zione ha stabilito di prevedere che «le unità che l'appaltatore del servizio dovrà assumere con contratto a tempo indeterminato e par time, siano 6 e non 5; di modificare, in definitiva, il capitolato speciale d'appalto e tutti gli atti sottesi all'avvio del servizio». Il Tar per la Puglia, Sezione III di Lecce, definitivamente pronunciando sul ricorso presentato dagli avv. Giuseppe Tanzarella e Francesco Arigliano di Ostuni, accoglieva il ricorso e, concedendo la misura cautelare richiesta dai ricorrente, ha annullato tutti gli atti impugnati. A presentare il ricorso al Tar, erano stati gli avv. Tanzarella e Arigliano, per conto del personale in servizio, in quanto, nel bando di gara, si specificava che la clausola di salvaguardia doveva valere per il futuro appaltatore, per 5 dipendenti e non per i 6 che, invece, è l'attuale numero del personale in servizio. red. br.