scarica l'app
MENU
Chiudi
14/07/2020

Gestione dei cimiteri un appalto inutile torna la vecchia ditta non ci sarà ricorso

La Provincia Pavese - Oliviero Dellerba

Il Comune accetta la decisione del Tar e pagherà le spese Lamentele continue sulla manutenzione delle 4 aree il caso
VIGEVANOCambio della guardia ed ennesimo colpo di scena nella gestione dei cimiteri a Vigevano. Nei giorni scorsi è stata pubblicata la sentenza del Tar della Lombardia, relativa a un ricorso che il precedente gestore (la molisana "Dr Multiservice") ha presentato contro la gara d'appalto del 2019, che aveva visto prevalere la cooperativa sociale Futura di Bareggio. Come un fulmine a ciel sereno, i giudici amministrativi hanno deciso di annullare l'intera procedura. Dal primo agosto, quindi, ritornerà in servizio la Dr Multiservice, sino alla conclusione dell'appalto (che era prevista in 5 anni). Il Comune, dopo una breve riunione con i vertici della società, ha deciso di accettare la sentenza e quindi non ricorrerà al Consiglio di Stato. L'azienda tornerà quindi a occuparsi della gestione dei quattro cimiteri cittadini. Le ragioniLa Dr Multiservice aveva presentato ricorso nello scorso autunno, non appena era stato assegnato l'appalto ai concorrenti.A giugno i giudici si sono riuniti, dando ragione al vecchio gestore (che nella gara era secondo classificato), con una sentenza pubblicata solo a inizio settimana. A essere censurata dal giudice amministrativo è stata l'applicazione di un contratto definito di avvalimento (ovvero l'utilizzo di requisiti posseduti da un altro soggetto).Secondo la Dr Multiservice e i giudici amministrativi questa applicazione non è avvenuta correttamente, circostanza che il Tar ha fatto propria. IlCcomune di Vigevano dovrà anche versare 3 mila euro di spese processuali alla Dr Multiservice. Nella vicenda il municipio ha prevalso solo nella condotta seguita nell'accesso ai documenti della gara d'appalto stessa: a dicembre, infatti, risultavano tutti consegnati. Il tribunale amministrativo non è entrato nel merito di tutto il ricorso ma ha solo dichiarato nullo il contatto di avvalimento tra la ditta vincitrice e un'altra azienda. Decadendo questo passaggio, la cooperativa sociale Futura non avrebbe avuto i requisiti per aggiudicarsi l'appalto. Situazione delicataGià in passato c'erano statelamentele con la vecchia gestione (ora tornata operativa) così come chi l'aveva sosostituita. Pochi giorni prima che diventasse pubblica la sentenza del Tar, in una conferenza stampa la dirigente comunale Laura Genzini e l'assessore Giulio Onori avevano parlato, infatti, di una generale insoddisfazione per la gestione da parte della cooperativa sociale Futura: all'azienda, dopo numerosi richiami scritti, erano stati dati persino quindici giorni di tempo per provvedere alla pulizia e al taglio dell'erba nelle modalità previste. Altrimenti il contratto sarebbe stato rescisso immediatamente. Per verificare esattamente il rispetto delle regole il Comune ha anche nominato un agronomo, che darà precise cadenze per la manutenzione e per i sfalci dell'erba. Ora però le carte sono state stravolte dalla sentenza del Tar.Ma anche i rapporti con la Dr Muliservice, come detto, negli ultimi mesi del precedente appalto, erano apparsi assai tesi. La manutenzione dell'area cimiteriale sta diventano un problema per l'amministrazione vigevanese. --Oliviero Dellerba