MENU
Chiudi
03/10/2018

Genova, bagarre sulla nomina del commissario

Il Sole 24 Ore - Manuela Perrone

il crollo del ponte / PANORAMA
Stop a Claudio Gemme. La sua candidatura a commissario per il ponte di Genova starebbe tramontando. A frenarla i pareri negativi dei 5 Stelle, che temono un conflitto di interessi per l'ex manager di Fincantieri. Si starebbe quindi cercando un nuovo profilo. E tra questi figura anche il sindaco di Genova Marco Bucci. -a pagina 21

ROMA

È passato un altro giorno, ma il supercommissario alla ricostruzione del ponte di Genova ancora non c'è. Mentre il presidente e Ad di Fincantieri Sistemi integrati, Claudio Gemme, ritiene di «essere ancora in pista», fonti di maggioranza sostengono che la sua candidatura sia appesa a un filo. E oltre al nome di Roberto Cingolani, direttore dell'Istituto italiano di tecnologia, ieri si è tornato a parlare di un incarico al sindaco Marco Bucci. Che però ha reagito alle indiscrezioni con scaramanzia: «Sono stati bruciati tanti nomi in questo modo, non vorrei che si bruciasse anche il mio». Aggiungendo però che con il decreto emergenze così com'è scritto «sarebbe impossibile lavorare».

L'impasse è comunque a Roma: è il premier Giuseppe Conte a dover firmare il decreto di nomina. Ma M5S e Lega faticano a trovare la quadra, con i leghisti infastiditi dal freno dei pentastellati su Gemme e i Cinque Stelle assai titubanti anche su Bucci, l'ex manager dal profilo internazionale salito alla guida del Comune con il sostegno del centrodestra.

La scelta del primo cittadino servirebbe a ricucire il rapporto con gli enti locali, sul piede di guerra contro il decreto, che ritengono povero di fondi e foriero di contenziosi. Ieri in Consiglio regionale è stato approvato all'unanimità un ordine del giorno del Pd che chiede l'istituzione di un tavolo tra istituzioni locali, parlamentari liguri, forze sociali ed economiche per dare vita a una "vertenza Genova" che modifichi il provvedimento, ora all'esame delle commissioni Trasporti e Ambiente della Camera (relatori Gianluca Rospi, M5S e Flavio Di Muro, Lega). Il governatore Giovanni Toti, il più filo-leghista tra gli azzurri, ha "assolto" il premier da ogni responsabilità dei ritardi: «È serio, ma non è in una situazione facile, stretto tra due partiti». Toti è tornato alla carica sul decreto, criticando il sistema di risarcimento previsto e l'esclusione di Autostrade dalla partita della ricostruzione del viadotto, se non come mero finanziatore. La società ha già accettato di stanziare un milione di euro per coprire le spese di installazione dei sensori sui due monconi del ponte Morandi per monitorare la sicurezza dei palazzi sgomberati. Ma sul resto continua a tacere, in attesa di capire gli sviluppi.

Se Toti insiste perché il Governo ritorni a impegnarsi su Gronda e Terzo Valico (dal Dl sono stati cancellati 791 milioni di fondi aggiuntivi originariamente stanziati, in attesa che si concluda la valutazione costi-benefici sulle grandi opere), anche il Comune avanza le sue richieste. In Consiglio comunale ieri sono stati varati 41 Odg che invocano fondi certi proprio per il Terzo Valico, la velocizzazione delle opere per migliorare la viabilità ed efficientare il trasporto pubblico, più risorse per il porto rispetto ai 30 milioni già previsti, che però sono prelevati dal Fondo unico per i porti, quindi sottratti agli altri. Aperta anche la questione Amiu, l'azienda dei rifiuti che per il crollo del ponte ha subito la distruzione della base di Campi. Il Comune sollecita fondi per coprire gli extracosti, calcolati in oltre un milione e mezzo. «Di certo non aumenteremo la Tari», ha promesso il sindaco.

Continua, intanto, il lavoro della magistratura, dopo l'iscrizione nel registro degli indagati di Giovanni Proietti, dirigente del Mit. Al setaccio chat e mail dei dirigenti di Aspi, Spea Engineering, ministero e Provveditorato delle opere pubbliche. Mentre pesano come macigni le parole del docente del Politecnico di Milano, Carmelo Gentile, che ha accusato Autostrade e Spea. «Il progettista ha fatto valutazioni improprie, ma anche con quelle il ponte era da chiudere», ha detto al Pm Massimo Terrile. Oggi come testimone sarà sentito l'ingegnere di Spea Roberto Gentile, ma la società già replica: «Tutte le informazioni erano state rese disponibili a Gentile fin dall'inizio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

BOLOGNA E GENOVA A CONFRONTO

La ricostruzione a Bologna

Il 1° ottobre, dopo 53 giorni di lavori, Aspi ha riaperto al traffico il Raccordo autostradale A1-A14 e la tangenziale sud di Bologna, dove era crollato un cavalcavia il 6 agosto in seguito a un incendio. Inizialmente erano stati stimati 5 mesi per completare l'opera, poi ridotti a 2 mesi grazie al reperimento immediato delle travi necessarie per l'opera. A realizzare l'opera è stata Autostrade tramite un consorzio guidato da Pavimental

A Genova ancora tutto fermo

A 49 giorni dal crollo del Ponte Morandi a Genova ancora nessun atto per avviare la demolizione e la ricostruzione del Ponte, se non l'approvazione del decreto legge che avvia le procedure e ha richiesto 45 giorni. L'impianto del decreto - che prevede 27 misure attuative - sceglie un modello diverso dall'affidamento al concessionario dei lavori. Le procedure di affidamento in deroga al codice appalti saranno oggetto di esame di Ue e Anac. Probabili ricorsi. L'accordo fra Aspi, Fincantieri e Renzo Piano, alla presenza del governatore Toti, sul progetto di ricostruzione, è stato fatto saltare da Luigi Di Maio: «Mai Autostrade»


Foto:

luca zennaro/ANSA

A Genova --> . Ieri il primo sopralluogo dei periti sotto il ponte Morandi

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore