scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/06/2021

Gara rifiuti: guerra legale Dusty-Srr su costi di trasporto in altri impianti

La Sicilia

CESARE LA MARCA La città sempre più sporca guarda con preoccupazione al prossimo sciopero dei lavoratori di Energetikambiente che il 17 e 18 giugno tornerà a ridurre la zona sud in una discarica a cielo aperto, mentre intanto infuria la battaglia legale tra Srr Rifiuti di Catania e due imprese ricorrenti, Dusty ed Ecolandia, che s ' incentra sull ' interpretazione di una clausola del bando di gara per l ' appalto settennale relativa all ' eventuale trasporto fuori sede dei rifiuti, e relativi oneri. A pronunciarsi sulla questione saranno probabilmente già nella Camera di Consiglio fissata per domani i giudici della Terza sezione del Tar di Catania, passaggio questo che assume un rilievo fondamentale per il prosieguo dell ' iter dell ' appalto settennale, in fase di aggiudicazione per il lotto " nord " e " sud " , e senza alcuna offerta per il lotto " centro " , per cui è stata avviata dalla Srr una procedura negoziata. Ma vediamo qual è la clausola oggetto del contendere, su cui domani si pronunceranno i giudici del Tar di Catania, all ' articolo 3 del disciplinare di gara, a pagina 9, secondo cui «il costo di conferimento dei rifiuti indifferenziati agli impianti di smaltimento finale e dei rifiuti differenziati presso gli impianti di recupero è a carico del Comune di Catania. I proventi derivanti dalla vendita dei rifiuti raccolti sono in favore del Comune di Catania. Il sito di destinazione viene determinato dalla Srr, e qualora nel corso dell ' appalto dovesse variare, nulla è dovuto alla società aggiudicatrice, anche nel caso in cui il nuovo impianto di conferimento dovesse trovarsi più distante». Secondo il legale della Dusty, avvocato Lino Barreca, ciò significa che a seguito della saturazione degli impianti in Sicilia orientale, «è fortemente probabile che i rifiuti dovranno a breve (e certamente per tutta la durata del nuovo appalto) essere trasportati fuori Sicilia, forse persino all ' estero. Ciò significa che i costi del " trasporto " dei rifiuti collegati all ' appalto sono destinati a lievitare enormemente, in maniera peraltro imprevedibile». Il legale della Dusty aggiunge che «a fronte delle rimostranze di varie imprese, l ' Amministrazione (il legale si riferisce alla Srr) aveva tuttavia opportunamente e correttamente inserito un " chiarimento " nelle regole di gara, precisando che " qualora i predetti impianti dovessero cambiare registrando un sensibile incremento della distanza, verranno riconosciuti all ' aggiudicataria i maggiori oneri dovuti " , salvo affermare pochi giorni dopo che " il chiarimento reso era frutto di un mero errore e che nulla è dovuto alla società aggiudicatrice, anche nel caso in cui il nuovo impianto di conferimento dovesse trovarsi più distante " ». Secondo la Dusty da questo deriva la «diseconomicità della gara», «l ' indeterminatezza dei costi» e la scarsa risposta al bando della Srr che avrebbe «disorientato» molte imprese. Secondo il legale della Dusty «non è condivisibile la tesi della Ecocar (una delle due imprese che hanno partecipato alla gara, ndr) secondo cui «il bando deve essere interpretato nel senso che invece (a prescindere dal chiarimento e dalla successiva revoca del medesimo) se vi saranno maggiori percorrenze per individuazione di nuovi impianti i maggior costi dovranno essere indennizzati». «Noi non siamo parte in causa, secondo quanto ho appreso dalla Srr - afferma l ' assessore all ' Ecologia Fabio Cantarella - la clausola non si presta a dubbi interpretativi, visto che sui rifiuti indifferenziati sottoposti a trattamento è stata bandita dalla stessa Srr un ' altra gara ed è la Regione con proprio decreto che dispone dove conferire, con costi che non riguardano dunque l ' impresa aggiudicataria dell ' appalto». l

Foto: La discarica di Grotte San Giorgio prossima alla saturazione


Foto: Cassonetti e rifiuti, il nuovo appalto prevede il porta a porta in tutta Catania


Foto: Operatori impegnati nella raccolta dei rifiuti (foto d ' archivio)