scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
15/06/2021

Gara rifiuti, alla Srr la prima ” battaglia “

La Sicilia

Il Tar ha rigettato i ricorsi cautelari di Dusty ed Ecolandia Per l ' impresa uscente giudizio di merito il 7 luglio. Il Comune: iter appalto procede La ditta non s ' arrende
CESARE LA MARCA Il mega appalto settennale da quasi 350 milioni di euro per la raccolta dei rifiuti a Catania ha da ieri un futuro meno carico di incognite, ma polemiche e lavoro per giudici e avvocati non sono ancora finiti, e per l ' ultima e definitiva parola bisognerà attendere l ' approfondimento delle udienze di merito. Il primo round della disputa legale sorta in merito all ' interpretazione di una contestata clausola sull ' onere degli eventuali costi di trasporto in impianti fuori Sicilia, o anche all ' estero, è andato intanto nettamente alla Srr, con il rigetto dei due ricorsi d ' urgenza in via cautelare presentati da Dusty ed Ecolandia. La terza sezione del Tribunale amministrativo regionale di Catania, presidente Daniele Burzichelli, ha infatti ieri rigettato, con due ordinanze cautelari, i ricorsi che erano stati presentati da Dusty (impresa uscente che svolge il servizio in proroga in scadenza il 30 giugno) ed Ecolandia contro la gara d ' appalto per l ' affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti in città. Per ciò che riguarda il ricorso della Dusty, che ha chiesto l ' annullamento del bando, l ' udienza di merito è stata fissata per il 7 luglio. Per la posizione di Ecolandia, che chiedeva la riapertura della proroga dei termini del bando, il Collegio giudicante ha fissato l ' udienza pubblica di merito per il 15 settembre. Tutto quasi chiaro, perché da una parte si annuncia intanto la prosecuzione dell ' iter per l ' aggiudicazione della gara nei tre lotti in cui è stata suddivisa la città, con procedura negoziata della Srr per il lotto " centro " dove non è pervenuta alcuna offerta, dall ' altra si ritiene che nelle udienze di merito sarà valutata la sussistenza dei rilievi sollevati. «Sia il Comune che la Srr hanno avuto modo di esporre nelle proprie difese l ' assoluta infondatezza delle doglianze lamentate dalle società ricorrenti - ha spiegato dopo l ' emissione delle ordinanze l ' assessore all ' Ecologia Fabio Cantarella - facendo innanzitutto emergere come queste ultime, soltanto a seguito dell ' avvenuta conoscenza della presentazione di due offerte per la gara in questione, ben oltre i termini di legge, avessero presentato un ricorso (tardivo) avverso il bando di gara, asserendo la presunta illegittimità per indeterminatezza e aleatorietà della prestazione oggetto dell ' appalto. L ' Amministrazione e la Srr hanno rilevato come tali azioni giudiziarie rappresentino null ' altro che un inutile tentativo dell ' attuale affidataria e della subappaltatrice del servizio di impedire l ' aggiudicazione di una procedura cui le stesse ditte non avevano preso parte nell ' errato convincimento - o forse speranza - che la stessa sarebbe andata deserta, con conseguente ulteriore proroga del rapporto in essere della Dusty, oramai destinato a cessare il prossimo 30 giugno. Del resto - aggiunge l ' assessore in linea con i legali della Srr la correttezza del modus operandi della stazione appaltante e della legittimità della documentazione di gara, contestata sia dalla Dusty che da Ecolandia, è stata ampiamente provata in giudizio e risulta confermata dalla partecipazione alla gara, già avviata e attualmente in fase di definizione, di altri operatori economici del settore. Del tutto infondate risultano, altresì, come avevano già rilevato i legali della Srr, le pretese violazioni evidenziate con riferimento al presunto onere per l ' appaltatore di trasporto dei rifiuti persino all ' estero, in quanto come noto, le criticità relative agli impianti di conferimento dei rifiuti in Sicilia sono in fase di risoluzione. In conclusione, alla luce di tali provvedimenti emessi dall ' Autorità giudiziaria, la procedura di gara potrà proseguire regolarmente consentendo finalmente al Comune di beneficiare di un servizio di raccolta dei rifiuti all ' avanguardia e basato su criteri qualitativi di rilievo». Sull ' altro fronte la Dusty non ha ammainato bandiera e non parla di sconfitta. «Il Tar ha rinviato all ' udienza di merito, già fissata per il prossimo 7 luglio - afferma in una nota l ' avvocato Lino Barreca - la decisione sulle contestazioni mosse da Dusty sulle criticità che hanno impedito la partecipazione alla gara delle maggiori aziende del settore, criticità che hanno addirittura determinato l ' assenza di offerte per il lotto centro, quello più importante, a testimonianza inconfutabile della fondatezza delle motivazioni che hanno indotto a presentare il ricorso che mira a tutelare, oltre che legittimi interessi aziendali, anche e soprattutto quelli generali di una comunità che merita un servizio adeguato e trasparente. Nessuna valutazione vi è stata quindi sul fumus del ricorso, e non è stata rinvenuta quella manifesta inammissibilità per tardività eccepita dalle controparti, che a nostro avviso si pone in contrasto col principio di legittimo affidamento, poiché è stato proprio il comportamento della Srr col " doppio " chiarimento sui costi del trasporto a disorientare la ricorrente. Bisogna pertanto esprimere soddisfazione per la grande attenzione che il Tar di Catania ha ritenuto assegnare alla questione proposta da Dusty con la fissazione dell ' udienza di merito in tempi così rapidi. L ' ordinanza suggerirebbe adesso estrema cautela nel procedere senza attendere la decisione del Tar, ma vedremo quali saranno le decisioni dell ' Amministrazione, fermo restando che ove si proceda con l ' aggiudicazione sarà necessario procedere ad ulteriori impugnazioni». Dusty annuncia insomma ulteriori battaglie, e nel delicatissimo incastro di udienze e scadenze punta tutto sul giudizio di merito del 7 luglio, sette giorni dopo la conclusione del servizio in proroga che la stessa impresa svolge, quando il nuovo appalto dovrebbe già cominciare a muovere i primi passi, districandosi tra cassonetti da rimuovere per passare al porta a porta in tutta la città, e aule di tribunale. l