scarica l'app
MENU
Chiudi
11/06/2019

Gara parcheggi, dirigente sotto accusa

Il Mattino

CARDIELLO ATTACCA LA RESPONSABILE ROSSI «DETIENE TRE FUNZIONI LA PROCEDURA SEGUITA È VIETATA DAL CODICE APPALTI»
EBOLI
Laura Naimoli
La faccenda dell'assegnazione della gara relativa ai parcheggi ed alla sicurezza in via Scirè finirà presto in aula consiliare. Arriva dal consigliere forzista, Damiano Cardiello, un'interrogazione spigolosa che potrebbe evidenziare qualche ombra emersa dalle prime ore successive all'assegnazione. L'appalto è stato affidato alla Athena Consorzio di cooperative per il biennio 2019-2020, per un importo di 360mila euro, iva inclusa, ma il servizio sarà svolto dalla consorziata Ekkinisi, società cooperativa di Portici. «La dirigente Lucia Rossi - spiega Cardiello - è responsabile del settore, rup del procedimento e presidente di gara. Questa cosa è inammissibile per le norme del codice appalti». La Rossi il 3 giugno aveva avviato il processo di revoca dell'aggiudica, perché la ditta non risultava in possesso di una iscrizione alla Camera di commercio «per servizi analoghi», compatibili con il servizio di parcheggi e sicurezza a bando.
LA REPLICA
La ditta, in un botta e risposta, dichiara non solo di avere i requisiti, ma di aver già svolto, a Omignano, il servizio relativo alla pulizia delle strade e delle aree pubbliche e, nel comune di Ascea, di gestione e sorveglianza dei parcheggi a pagamento. Precisando questo, la Athena Consorzio di cooperative invita la Rossi a sospendere il procedimento di revoca. Ma Cardiello va in fondo. «In sede di acquisizione della documentazione a comprova dei requisiti autodichiarati in gara è risultato non presente né in capo al consorzio che alla consorziata indicata quale esecutrice dei servizi oggetto di gara, l'idoneità professionale prevista, cioè l'iscrizione alla CIAA per attività analoghe a quelle oggetto di gara: gestione parcheggi, pulizia e sorveglianza - puntualizza Cardiello - quindi, senza riunire la commissione di gara, il responsabile del settore Lucia Rossi autonomamente ha avviato l'esclusione del proposto aggiudicatario e contattato il precedente affidatario per assicurare la prosecuzione del servizio, nonostante scaduto il 1 giugno 2019 e nel precedente capitolato speciale fossero vietate le proroghe». Non è passata inosservata la pregressa Ekkinisi di Portici. Il punto è che la società Ekkinisi, già nota all'Ente, aveva avuto incarico con un affidamento diretto al piano di Zona attraverso l'allora dirigente Giovanni Russo. Qualsiasi siano le risposte del Comune la Ekkinisi comincerà il servizio domani. La ditta di Fabbiano, invece, lo terminerà, in proroga tecnica, oggi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA