scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/03/2021

FUCECCHIO Diecimila euro a fondo perduto. È quanto…

QN - La Nazione

FUCECCHIO Diecimila euro a fondo perduto. È quanto la Regione Toscana ha stanziato, con apposito bando, per ogni emporio di comunità nelle aree interne, montane e insulari della Regione che integrino altri servizi a quelli già offerti. Il Comune di Fucecchio, che rientra nelle aree interne di strategia nazionale, ha appena reso noti i servizi aggiuntivi che gli empori potranno erogare: invio resi e-commerce, pagamento bollettini postali, ricariche carte credito, pagamento bollette (gas, luce, acqua, rifiuti); pagamento bollo auto/moto, ricariche telefoniche, pagamento ticket. L'obiettivo è potenziare l'offerta di prodotti e servizi alla collettività per favorire le condizioni di residenzialità e di qualità della vita, rivitalizzando così aree "meno centrali" con un sostegno mirato alla diversificazione dei servizi e prodotti offerti alle collettività residenti ed evitando anche, con lo spostamento della popolazione nel centro cittadino, assembramenti e congestioni. A oggi, però, solo 35 attività toscane hanno aderito al bando, fermando 350mila euro circa dei 5 milioni stanziati. Una scarsa adesione cui Cna Empolese Valdelsa e Comune di Fucecchio cercano di porre riparo, portando all'attenzione delle imprese l'esistenza di questa opportunità: saranno poi gli imprenditori a decidere se coglierla o meno. «Le attività di vicinato - dichiara l'assessore allo sviluppo economico Valentina Russoniello - sono tornate a essere anche un punto di riferimento per molti cittadini, per questo apprezziamo e aderiamo alla scelta della Regione di emanare il bando che permetterà di ampliare i servizi offerti aprendosi anche ai nuovi bisogni e richieste degli utenti». Possono partecipare al bando micro, piccole e medie imprese, nonché lavoratori autonomi che esercitino la propria attività anche attraverso empori polifunzionali o cooperative di comunità. Per ogni informazione e per la presentazione delle domande è possibile rivolgersi agli uffici di Cna. «In questo momento - dice Fabio Bianchi, vicepresidente dell'associazione - è fondamentale permettere a tutte le aziende di poter sfruttare le occasioni che vengono offerte».