scarica l'app
MENU
Chiudi
28/08/2020

Fratoni (Pd): «Aiuti alle imprese e ai professionisti»

Il Tirreno

verso le elezioni regionali
PISTOIA. Aiuti concreti alle imprese e ai professionisti toscani, dopo i mesi del lockdown e dell'emergenza Covid-19. La Regione Toscana mette in campo, grazie alla riprogrammazione dei Fondi europei del Por Fesr, 168 milioni di euro, di cui 141 milioni destinati a sostenere l'economia regionale. I bandi, di prossima uscita, sono dedicati a vari settori, dalla filiera del turismo all'innovazione digitale, passando dagli empori di comunità, ai laboratori scolastici. A mettere l'accento sulle risorse è Federica Fratoni, candidata capolista per il Partito Democratico nella circoscrizione di Pistoia alle prossime elezioni regionali. «Un piano straordinario di interventi - commenta Fratoni - che punta a sostenere concretamente piccole e medie imprese, ossatura della nostra economia, locale e regionale. Cercando di guardare a tanti aspetti: si va dalle occasioni per le nostre aree montane, con la creazione di empori di comunità, al sostegno alle agenzie di viaggi e a chi si occupa di collegamenti come taxi e noleggio bus. Attenzione anche all'innovazione digitale: abbiamo visto in questi mesi di lockdown quanto sia necessaria per professionisti e imprese, sia in città che nelle aree non urbane. Dunque, aiuti concreti che si presenteranno da qui a breve per tante imprese e che potranno essere davvero un'occasione di rilancio per il tessuto produttivo e tante categorie economiche». Un bando riguarda i contributi in conto capitale per favorire la ripresa degli investimenti del sistema produttivo delle imprese artigiane, industriali, manifatturiere, del settore turistico, commerciale, cultura e terziario, finalizzati al contenimento e al contrasto dell'emergenza covid-19 e quindi a garantire la ripresa delle attività economiche in sicurezza. Il costo totale del progetto di investimento ammissibile va da un minimo di 20.000 euro ad un massimo di 200.000 euro. Alle micro, piccole e medie imprese, nonché lavoratori autonomi nelle aree interne e montane, con un contributo a fondo perduto di 10.000 euro, è destinato il bando per realizzare strutture polifunzionali per la produzione o commercializzazione di prodotti o l'erogazione di servizi. Per le Cooperative di comunità invece ci sarà uno specifico bando con contributi in conto capitale, vanno da un minimo di 50mila euro a un massimo di 100mila euro, per servizi e attività. Per la filiera del turismo, particolarmente danneggiata dall'emergenza sanitaria, si prevedono sostegni per 5 milioni per le agenzie di viaggio, le guide ed il sistema dei collegamenti (taxi, noleggio con conducente - Ncc, noleggio bus). Un bando è dedicato alla microinnovazione digitale, per finanziare progetti di trasformazione digitale delle imprese, fino a 100.000 euro, tra cui acquisizione di servizi di consulenza in materia di innovazione e canoni d'uso di piattaforme software. Sempre in ambito digitale, sono previsti 1.775.000 di contributi per laboratori formativi territoriali aperti rivolto alle fondazioni degli Istituti tecnici superiori (Its) della Toscana per acquisto di beni e attrezzature come ad esempio laptop, software, e spazio digitale su server. -