scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
14/08/2021

Fondi Ue per contrastare le frodi

ItaliaOggi - MASSIMILIANO FINALI

I progetti sono finanziabili tramite contributi a copertura dell'80% delle spese ammissibili
Bandi da 10,9 mln per controlli, investigazione e assistenza
Contrasto alle frodi, bandi europei da 10,9 milioni di euro Ammonta a 10,9 milioni di euro lo stanziamento europeo per finanziare progetti che contrastino le frodi a livello europeo. Lo prevedono otto inviti a presentare proposte nell'ambito del Programma Anti-frode dell'Unione Europea. I bandi finanziano in genere lo sviluppo delle attività di controllo e investigazione, l'assistenza tecnica, seminari ed eventi, formazione professionale e realizzazione di studi. I progetti sono finanziabili tramite contributi a copertura dell'80% delle spese ammissibili, percentuale elevabile al 90% in caso di azioni ritenute prioritarie. La scadenza degli inviti è fissata al 5 ottobre e potranno prendervi parte enti pubblici, organizzazioni internazionali, istituti di ricerca ed enti no-profit che operano negli ambiti di interesse del programma. Sostegno per acquisire strumentazioni Gli inviti finanziano l'acquisto e la manutenzione di attrezzature, nonché lo sviluppo di metodi di indagine e di sorveglianza utilizzati dai beneficiari nella lotta contro irregolarità, frodi e corruzione che vadano a ledere gli interessi finanziari dell'Unione Europea; i beneficiari possono ottenere un sostegno anche per l'acquisto di mezzi di trasporto adeguati, di hardware e software e di attrezzature audiovisive di sorveglianza, a condizione che il richiedente dimostri chiaramente che l'acquisto sia direttamente collegato allo scopo del progetto. In ogni caso, deve sempre essere prevista una formazione specializzata per consentire al personale di utilizzare questi strumenti. Grazie ai vari inviti, sarà possibile coprire gran parte dei costi per l'acquisto e la manutenzione di attrezzature per rafforzare la capacità operativa e tecnica nell'individuazione di merci di contrabbando e/o contraffatte, compresi sigarette e tabacco, importate nell'Unione con l'intento di eludere l'Iva, i dazi doganali e/o le accise. Oltre agli investimenti in beni materiali, i bandi consentono di finanziare l'acquisto e la manutenzione di software forensi digitali, strumenti forensi mobili e sistemi informatici forensi collaborativi utilizzati nella lotta contro le le frodi e la corruzione, incoraggiando peraltro alla cooperazione transfrontaliera per lo scambio di informazioni e di buone pratiche, in particolare a livello operativo. Sarà agevolato anche l'acquisto e la manutenzione di banche dati commerciali specializzate, piattaforme di analisi dei dati in ambito di big data, software di analisi del rischio e predittivi, nonché sistemi supportati dall'intelligenza artificiale utilizzati nella lotta contro le frodi. Tali acquisti sono volti anche a stimolare la condivisione di banche dati e strumenti di business intelligence a livello europeo. Eventi, studi e formazione I bandi finanziano anche attività immateriali quali la realizzazione di studi e di corsi di formazione, oltre che di eventi sul tema del contrasto alle frodi. In particolare, potranno essere presentati progetti per sviluppare corsi di formazione qualificata per migliorare le capacità di indagine e analisi dei dati attraverso l'acquisizione di nuove competenze e conoscenze di metodologie e tecniche specialistiche. Inoltre, i beneficiari potranno realizzare attività di ricerca rilevante e di alto profilo, compresi studi di diritto comparato e conseguente diffusione di informazioni attraverso pubblicazioni periodiche. I beneficiari potranno inoltre organizzare scambi di personale tra le amministrazioni per contribuire all'ulteriore sviluppo, miglioramento e aggiornamento delle capacità e competenze nel contrasto alle frodi. Infine, i contributi sosterranno l'organizzazione di conferenze, workshop e seminari, nonché la creazione di reti e piattaforme strutturali con lo scopo di facilitare lo scambio di informazioni e buone pratiche.