scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/06/2021

Fondi rustici e nuovi bandi Il Cga non dà la sospensiva

Gazzetta del Sud

Mistretta, stop al ricorsod' appello di cinque imprenditori agricoli
La Commissione prefettizia va avanti nell' iter
Giuseppe Romeo MISTRET TA Respinte dal Consiglio di Giustizia amministrativa per la Regione siciliana le istanze cautelari presentate da cinque imprenditori del settore agricolo di Mistretta per la riforma delle sentenze con cui il Tar di Catania nel novembre scorso aveva rigettatoi ricorsi controi bandi di affitto dei fondi rusticia Mistretta. In particolare gli imprenditori agricoli mistrettesi contestavano la violazione della disciplina degli usi civiciei diritti da questi derivanti per quanto riguardai bandi promossi nel 2019 dalla Commissione straordinaria che amministra il comune nebroideo. Il Cga, respingendoi due appelli presentati con la rappresentanza legale dell' av vocato GianpieroD' Alia, rilevando in via preliminare chei fondi rustici appartenenti al patrimonio comunale siano beni rispetto ai qualil' amministrazione ha, non solo il diritto, ma anche il dovere, di trarre il maggior corrispettivoa beneficio dell' intera comunità stanziata sul territorio, ha ritenuto, alla delibazione propria della fase cautelare, che non appaiono dedotte censure idoneea giustificare la sospensione dell' efficacia degli atti impugnati in primo grado e, quindi, delle procedure di assegnazione in locazione dei fondi rustici di proprietà comunale. Nel giudizio di fronte al Cga era costituito anche il Commissario per la liquidazione degli usi civici in Sicilia, rappresentato dall' Avvocatura dello Stato, mentre il Comune di Mistretta era difeso dall' avvocato Giovanni Lentini. Tra le contestazioni mosse dai ricorrenti,c' era in particolare la privazione del diritto al godimento dei domini collettivi, poichéi bandi, attualmente in fase di assegnazione, hanno consentito la partecipazione alla gara peri fondi anchea soggetti non sono residenti nel comune. Nella propria sentenza di merito impugnata al Cga, il Tar aveva quindi sostenuto che la procedura prevista dai bandi non fosse immediatamente lesiva, in quanto non pregiudicava la possibilità per gli interessati di conseguirel' aggiudicazione peri lotti in relazione ai quali gli stessi riterranno di formulare domanda ed in ogni caso, era esclusa la possibilità di impugnare immediatamente le prescrizioni del bando riguardanti il metodo di garao il criterio di aggiudicazione, salval' ipotesi che esse fossero preclusive della partecipazione alla procedurao tali da impedire con certezza la stessa formulazione dell'offerta. La sezione giurisdizionale del Cga, presidente De Nictolis, pronunciatasi all' esito della camera di consiglio di giovedì, ha disposto di compensare le spese. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Riconosciuta la tesi secondo cui il Comune deve ricavare il maggiore corrispettivo possibile perl' intera comunità


Foto: Una panoramica del paese Un centro montano ricco di verdee fondi rustici comunali