scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
30/03/2021

Fondi europei, ufficio dedicato per intercettare finanziamenti

La Provincia Pavese - Stefania Prato

Il "centro di coordinamento bandi" avrà sede alla fondazione Eucentre Gli esperti di università e Iuss per aiutare enti pubblici e imprese a crescere obiettivo sviluppo
PAVIAIntercettare i fondi europei per far ripartire un'economia che rischia il collasso per l'emergenza Covid e dare ossigeno a Comuni stremati dall'emergenza sanitaria ed economica. È questo l'obiettivo del nuovo Centro di coordinamento bandi europei, con sede all'interno della Fondazione Eucentre, a disposizione di Comuni, enti ed imprese. Perché, nonostante tutti gli sforzi delle amministrazioni, molte risorse restano nei libri contabili. La provincia di Pavia si è fermata al di sotto il 4% del totale potenzialmente ottenibile, contro il 30% intercettato invece da Eucentre, Iuss e Università. Enti che hanno deciso di diventare partner di un'operazione, avviata dall'europarlamentare Angelo Ciocca, che unisce parlamento europeo e territorio provinciale. «Dobbiamo fare i conti con la crisi sanitaria, economica, sociale e con la trasformazione che il Covid ha imposto sulle persone - sottolinea Dario Scotti, presidente della Riso Scotti -. Ma sono convinto che la provincia di Pavia fare qualcosa di importante e sono pronto a partecipare in modo attivo a progetti costruttivi». Energia pulita, cambiamenti climatici, trasformazione economica innovativa, attenzione sociale, sviluppo sostenibile. Sono alcuni degli obiettivi posti, per i prossimi sette anni, dall'Europa che sul piatto mette 1.074 miliardi, oltre ai 750 miliardi del Recovery fund. Ma per ottenere una quota cospicua di quelle risorse serve una nuova capacità di progettazione, in linea con i criteri dettati da Bruxelles. «La creazione di questo hub territoriale rappresenta una sfida - spiega l'europarlamentare -. È un centro informativo sui bandi europei e di raccordo con le realtà locali, con l'obiettivo di innescare un circolo virtuoso per attrarre risorse preziose. Un progetto lungimirante, da non sprecare, per far ripartire il territorio». «Ringrazio Eucentre per la collaborazione che contribuisce alla competitività internazionale di Pavia, offrendo una grande opportunità all'intera provincia - sottolinea il sindaco Fabrizio Fracassi -. Abbiamo già partecipato ad un bando con un progetto, "Waterfront", da 15 milioni per riqualificare il Ticino e rilanciare la città. Ma per ottenere risultati importanti dobbiamo collaborare e soprattutto dobbiamo crederci. L'ufficio bandi è uno strumento pratico di sviluppo al servizio della comunità». Ieri, nella sede di Eucentre in via Ferrata, l'illustrazione del progetto. Presenti, molti in collegamento online, il coordinatore del centro Davide Orlandi, il direttore di Eucentre Fabio Germagnoli, il rettore dello Iuss Riccardo Pietrabissa, la responsabile del servizio Ricerca dell'Università Sofia Baggini, i consiglieri regionali Roberto Mura (Lega) e Ruggero Invernizzi (Forza Italia). --Stefania Prato