scarica l'app
MENU
Chiudi
28/07/2020

Fondi dalla Regione a negozianti e artigiani per le spese anti Covid

La Provincia Pavese - Selvaggia Bovani

Il Comune aderisce al bando per la ripartenza post lockdown Le aziende potranno presentare le domande da agosto La novità
VIGEVANO La Regione stanzia fondi per aiutare le aziende che hanno sostenuto spese per mettere in sicurezza l'attività dal rischio Covid. Lunedì scorso il Comune ha inviato a Regione Lombardia l'adesione del Distretto urbano del commercio (Duc) di Vigevano, costituito da Comune, Ascom, Camera di Commercio e Confartigianato, al bando regionale per favorire la "ricostruzione" territoriale urbana dopo il lockdown. Il bando, che si chiama "Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana" è finalizzato appunto a sostenere i settori del commercio, dell'artigianato, della ristorazione e del terziario e prevede un finanziamento regionale di circa 22,5 milioni di euro. Il Distretto urbano del commercio di Vigevano è anche noto come "La dimora sforzesca". «La novità - spiega Luigi Grechi, presidente di Confartigianato Imprese Lomellina - è che questo bando comprende anche l'artigianato, non solo il commercio. Quindi, per esempio, possono partecipare anche il ciabattino, la sarta, il parrucchiere e tutti gli altri artigiani che hanno sostenuto spese per adeguare l'attività alle normative anti contagio. I fondi vanno solo a chi ha una vetrina sulla strada, ma non è circoscritto a un solo territorio, come la zona A, B o C del Comune. Confartigianato Imprese Lomellina si occuperà, per conto del Comune, della rendicontazione, della progettazione e dei contatti con gli esercenti del territorio. Faremo quasi da commercialisti, per intenderci». Gli interventi Cosa finanzia la Regione? «Potrà chiedere un rimborso chiunque abbia sostenuto delle spese dovute al Covid - prosegue Grechi - come l'allestimento delle barriere in plexiglas, l'installazione di distributori di igienizzanti e di termoscanner, o abbia fatto sanificazioni o investimenti per nuove attrezzature. Sono comprese anche le aperture di nuove attività o il rilancio di attività esistenti, l'adattamento dei punti vendita alle nuove esigenze di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, e l'adozione di nuove modalità di vendita quali la vendita online e la consegna a domicilio. In questo momento siamo "solo" nella fase in cui la Regione chiede quali Comuni vogliano partecipare, e Vigevano ha risposto. Poi sarà ogni singolo Comune a pubblicare il bando vero e proprio rivolto agli esercenti che potranno presentare le domande di contributo al Comune o a tutti i partner del Duc, e quindi a noi e ad Ascom. In quella fase, prevista per inizio agosto, saranno spiegati anche i termini e le modalità di partecipazione. Invito quindi tutti a monitorare il sito internet del Comune, e di qualsiasi partner del distretto». I distretti che riusciranno ad emanare i bandi per le imprese e concedere gli aiuti entro il 31 dicembre avranno anche un premio. «I partner del Distretto del commercio "La dimora sforzesca" - si legge sul documento inviato in Regione - hanno aderito per sfruttare l'opportunità offerta e dare un segnale che il distretto è attivo e pronto a cogliere ogni opportunità a favore degli imprenditori». --Selvaggia Bovani