scarica l'app
MENU
Chiudi
30/08/2018

Fondi congelati dal Milleproroghe Bergamin: «Sono la nostra salvezza»

Il Gazzettino

IL CASO
ROVIGO Dopo mesi di accordi, il dietrofront del privato e la successiva riappacificazione, il Comune era riuscito finalmente ad inserire nel Bando periferie ed aree degradate la sistemazione dell'ex ospedale Maddalena. A beneficiare dei 13 milioni e mezzo di euro finanziati dal Bando non sarebbe infatti stata solo l'area dell'ex ospedale, ma anche buona parte della viabilità della Commenda ovest. Pochi giorni fa invece, per Rovigo, è arrivata una nuova doccia fredda: il Senato ha infatti deciso di congelare il Bando dedicato alla riqualificazione delle periferie urbane per almeno due anni. Manovra decisa per liberare l'avanzo di amministrazione per quasi ottomila Comuni italiani.
LA RABBIA
«Sono incazzato nero - commenta senza mezzi termini il sindaco Bergamin appena rientrato da qualche giorno di vacanza -, Abbiamo fatto i salti mortali per riuscire a trovare un accordo con il privato e programmare finalmente la sistemazione dell'area dell'ex ospedale Maddalena, zona che sta sprofondando nel degrado. Ora, invece, mi ritrovo ancora a fare i conti con questo buco nero della città, ritrovo di senzatetto e malviventi». E ancora: «Il presidente Luca Zaia dice che il bando è solo congelato per due anni? Io rispondo che non mi piacciono le cose congelate. Ogni giorno quando passo davanti all'ex Maddalena non poso vederlo in quello stato di abbandono e degrado: come primo cittadino mi sento di tutelare i cittadini sul fronte della salubrità dell'area e della sicurezza. Quel bando era l'unica salvezza per la Commenda, non posso che non sentirmi profondamente amareggiato per lo stop deciso dal Governo».
FONDI CONGELATI
Ai primi di agosto il vicesindaco Andrea Bimbatti, assieme agli altri sindaci veneti che si sono visti bloccare il finanziamento per la riqualificazione delle aree degradate, si è recato a Venezia per protestare contro il blocco del bando periferie. La speranza dell'Amministrazione è infatti che lo sblocco ci possa essere nei prossimi giorni, con il passaggio del Milleproroghe alla Camera. Nel frattempo, ad andare avanti saranno solo i primi 25 progetti presentati entro marzo 2017: per i restanti invece, compresa Rovigo, il tutto, per ora, resta invece congelato per due anni. Il Bando periferie, secondo lo stesso presidente del Consiglio comunale Paolo Avezzù, rappresenta una questione di vita e di morte per Rovigo, in particolare per il quartiere della Commenda ovest, le cui strade si stanno sbriciolando assumendo l'aspetto di un colabrodo e i cui marciapiedi sono da tempo impraticabili. Sul congelamento della riqualificazione della Commenda sono intervenuti anche gli industriali: «Senza la riqualificazione del Maddalena - ha detto il presidente di Confindustria di Venezia-Rovigo Vincenzo Marinese - peggiora la vita dei cittadini, senza considerare poi che il progetto avrebbe coinvolto tante piccole e medie imprese della zona».
R.Mer.