scarica l'app
MENU
Chiudi
14/01/2020

Fondazione Crc, torna il “Bando distruzione” per cancellare o abbattere le brutture edilizie

La Stampa - L. B.

CUNEO, TERZA EDIZIONE DELL'INIZIATIVA
Cancellare o abbattere brutture edilizie e obbrobri architettonici. Sostituire porfido all'asfalto, coprire muraglioni in cemento con opere d'arte, rigenerare spazi altrimenti destinati all'abbandono. Per il terzo anno la Fondazione Crc di Cuneo propone il «Bando distruzione», iniziativa inedita a livello nazionale e «a favore del contesto ambientale e paesaggistico». Il bando scade il 31 gennaio. Il budget è di 420 mila euro. Chi vincerà potrà contare su un cofinanziamento da parte della Fondazione Crc fino a 50 mila euro. Possono partecipate enti locali della provincia di Cuneo. Nel 2019 vennero presentate 58 proposte, poi selezionate con un voto online sul portale www.bandodistruzione.it (si espressero in 11 mila). La modalità del «voto popolare» sarà replicata quest'anno. I progetti premiati nel 2019 sono stati 12. Il presidente della Fondazione Crc Giandomenico Genta: «Il bando ha per obiettivo la valorizzazione della bellezza dei paesaggi, che così diventa una leva per attivare le comunità e promuovere sviluppo e crescita. Il voto online ha avuto una partecipazione inaspettata». Il bando sarà presentato mercoledì, dalle 9 allo Spazio incontri di via Roma a Cuneo. Anna Detheridge (agenzia di ricerca Connecting Cultures) e Nicoletta Tranquillo (Incubatore Kilowatt Bologna) parleranno di esperienze simili di recupero nel resto d'Italia. -