scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
19/01/2021

Fondazione Cariplo, 3 milioni per far ripartire la cultura

Eco di Bergamo

Il bando Selezionati 25 progetti, attenzione ai giovani e alle fasce più colpite dalla pandemia. Benigni: «Aiuti a un settore provato»
Fondazione Cariplo apre il 2021 con la selezione di 25 importanti iniziative per un importo complessivo di 3 milioni di euro sul bando «Per la Cultura», misura eccezionale per caratteristiche e per dotazione economica - 8 milioni di euro sulle due scadenze previste - destinata agli operatori del settore, da quelli pubblici a quelli privati non profit. Il bando «Per la Cultura» promuove progetti che valorizzino l'importanza della cultura per il benessere degli individui e per lo sviluppo delle comunità, con un'attenzione particolare ai giovani e alle fasce della popolazione più colpite dalle conseguenze dell'emergenza sanitaria. Risorse per la ripartenza

La congiuntura economica in cui si trova l'Italia per effetto della pandemia da Covid-19 è un'emergenza di proporzioni tali da mettere in secondo piano la ripartenza dell'intera filiera culturale. In particolare, sono apparse preoccupanti le conseguenze della recessione sull'occupazione, sia all'interno del settore sia nei comparti collegati, a partire dal turismo e dai servizi connessi alla cultura, sfidati duramente - in questi mesi - dalla quasi completa assenza di pubblico e di visitatori. La ferita provocata dalla pandemia minaccia la partecipazione alla vita culturale, aggravando ulteriormente i divari socio-economici già esistenti e limitando le concrete possibilità di accesso ai processi di fruizione e produzione culturale. Fondazione Cariplo lancia un segnale positivo aprendo l'anno con il sostegno di 25 progetti culturali sul territorio lombardo e nelle province di Novara e Verbania. Progetti eterogenei come quello della Fondazione Brescia Musei per l'utilizzo in esclusiva nazionale di un'innovativa App-Game museale con il famoso topino Geronimo Stilton, oppure l'iniziativa della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano dal titolo «Memoriale: multimedialità e innovazione per ripartire», volta a potenziare l'offerta formativa del sito storico, anche attraverso la creazione di un network con altri musei internazionali dedicati alla Shoah, o ancora il Consorzio Brianteo Villa Greppi di Monticello Brianza per il progetto «Vedere l'invisibile. La cultura rifiorisce nei giardini storici di Villa Greppi e della Villa Reale di Monza».

La cultura elemento vitale

«Sappiamo quanto sia importante sostenere le iniziative legate alla cultura. Siamo consapevoli che l'impegno della fondazione non è sufficiente e che il fabbisogno è ben più ampio dell'impegno, che pur ingente, possiamo mettere a disposizione. Chi opera nella cultura ha sofferto le conseguenze delle chiusure, molte attività non si possono svolgere. Abbiamo voluto lanciare un messaggio di attenzione verso questo settore. Un'attenzione che non verrà a mancare anche nelle prossime settimane e in tutto l'anno appena iniziato» ha commentato Gianpietro Benigni, commissario bergamasco all'interno della Commissione Centrale di Beneficenza.

Fondazione Cariplo ha voluto ribadire con decisione il ruolo della cultura come elemento vitale per la crescita sociale ed economica delle comunità, individuando degli asset strategici e necessari alla ripartenza dei luoghi e delle attività: la prossimità, per un rinnovato coinvolgimento dei pubblici e la creatività per il ripensamento delle attività di produzione e di organizzazione delle iniziative culturali.

In particolare, il bando «Per la Cultura» intende promuovere nuove forme di partecipazione alla vita culturale e di rigenerazione delle identità locali, con una particolare attenzione alle fasce di popolazione con minori opportunità, nonché sostenere la capacità degli operatori culturali di innovare le proprie modalità di gestione e di organizzazione dell'offerta, in un'ottica di sviluppo sostenibile dei territori e delle comunità. Le risorse stanziate da Fondazione Cariplo per l'attività filantropica 2021 ammontano a 140 milioni di euro di cui 24 milioni di euro destinati al settore Arte e Cultura. Uno degli obiettivi strategici individuati dalla Fondazione sarà volto ad individuare nuove forme di partecipazione culturale: la Fondazione intende allargare le forme di partecipazione culturale, individuando e sperimentando nuovi modelli di fare e vivere la cultura.