scarica l'app
MENU
Chiudi
01/06/2019

Flat tax, M5S ” apre” alla Lega

Gazzetta del Sud

I 5Stelle favorevoli alla «proposta di finanziare in deficit la" tassa piatta" ». Ma gli ipotizzati tagli al welfare avevano creato forti tensioni
Irritazione del premier: ancora nessun progetto fiscaleè arrivatoa Palazzo Chigi Convocato un vertice per lunedì per placare le fibrillazioni nella maggioranza
ROMA Il premier Giuseppe Conte parla di «scorie della campagna elettorale che vanno smaltite» ma la tensione nella maggioranzae nel governo non accennaa diminuire all' indomani dell' esito delle Europee. E allora il presidente del Consiglio, nell' annunciare un vertice lunedì, sembra fissare un"t iming" ben preciso. Un' ultima mediazione: se nel giro di pochi giorni le fibrillazioni non dovessero cessaree gli strappie le fughe in avanti non rientrare, si rivolgerà direttamente gli italiani. Il suo auspicio peròè che venga annunciato ai cittadini il rilancio dell' azione del governo.I temi da affrontare sono tantiei nodi vanno sciolti- il messaggio di Conte- solo nella sede dell' esecut ivo. A partire dagli emendamenti, come quello sullo sblocca cantieri presentato dalla Lega in cui si annuncia la sospensione del codice degli Appalti con M5s cheè pronto ad investirel' Anac della questione.E dalla flat tax «il cui progetto nonè ancora arrivato»a Palazzo Chigi. Ma oraè un altro il terreno di scontro all' interno della maggioranza: il vicepremier Di Maio ha alzato le barricate di fronte alla possibilità di una revisione della spesa sulle politiche sociali (poi sparita dalla bozza della lettera inviata ieri seraa Bruxelles). Un piano di risparmi sul welfare, cioè su reddito di cittadinanzae quota 100, nonè negli accordi, la sua tesi. Quel cheè certoè che Di Maio ha fatto sapere di non aver lavorato minimamente alla missiva (che poi ha fatto correggere),i cui principi sono stati preparati dal responsabile di via XX Settembree dagli"sherpa"e conomici del partito di via Bellerio, con un incontro anche fra Triae il premier Conte. Il vicepremier M5s aveva chiesto un vertice di governo prima che la missiva venisse inviata. «Il testo non corrisponde alla realtà», aveva fatto sapere il ministero dell'E conomia. «Nonè quello che abbiamo in visione», ha riferito Palazzo Chigi secondo cuiè «grave rischiare ricadute negative sui mercati». Un cortocircuito che ha irritato il premier che avràl' ultima parola sulla risposta alla Commissione. Ma il conflittoè tutto politico con la Lega che ritiene sbagliatol' atteggiamento assunto dal Movimento5 stelle. La strategia pentastellataè quella di lasciare ora al Carroccio la possibilità di mettere sul tavoloi provvedimenti su cui spinge da giorni. Ma chiederà in primis quali sono le coperture, conl' eventualità di addossare all' alleato la responsabilità di un affondo dell' Europa (la procedura di infrazione dovrebbe partire la prossima settimana) che potrebbe vedere nella Lega il partito della spesa. «Noi siamod' accordo ad una flat tax in deficit», in ogni caso la posizione M5s. «Non discuto adesso davanti ai giornalisti come si farà la flat tax: un progetto di flat tax nonè ancora arrivatoa Palazzo Chigi». Così il premier Giuseppe Conte rispondea chi,a margine di un evento in Campidoglio, gli chiede se sia favorevolea realizzare la flat tax in deficit, come propongono Legae M5s.

Foto: Scontro senza fine nel governo Matteo Salvinie Giovanni Tria