scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/02/2021

Firenze-mare, la terza corsia è un mistero

QN - La Nazione

PISTOIA Un fulmine a ciel sereno. L'agezia di stampa Ansa lancia un sintetico comunicato poco dopo le sette di ieri sera. Si legge che «Autostrade per l'Italia ha revocato il bando di gara per i lavori di ammodernamento e ampliamento alla terza corsia nel tratto Firenze-Pistoia dell'autostrada A11 Firenze-Pisa nord». Il provvedimento di revoca è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ed è stato preso «in considerazione del mutamento della situazione di fatto - si legge - non prevedibile al momento della pubblicazione del bando di gara». Il bando, la cui entità era pari a 248,2 milioni di euro, era stato pubblicato il 5 luglio 2019. Fin qui il lancio d'agenzia, che una volta diffuso non ha mancato di suscitare un palpabile imbarazzo e altrettanto sconcerto nei palazzi della politica locale, da Pistoia a Prato fino a Firenze. «A quanto ci risulta Aspi ha cancellato il bando a causa delle mutate condizioni generali legate alle incertezze sulle concessioni di gestione della rete autostradale, a seguito della tragedia del ponte Morandi - spiega l'assessore Alessio Bartolomei, sorpreso, preoccupato e arrabbiato per la decisione di Aspi - Quindi di fatto l'opera ad oggi è bloccata. Per noi è una notizia drammatica perché la soluzione degli snodi di traffico pesante della città, soprattutto legati al settore vivaistico, erano legati alla possibilità di avere un secondo casello in zona Badia a Pacciana, come previsto dal progetto della terza corsia. Prenderemo subito contatti con Aspi e la Regione per capire se, con quali tempi e a quali condizioni l'opera potrà essere sbloccata e riprendere il suo cammino». Il Comune di Prato, dal canto suo, ha ammesso, almeno a ieri sera, di non saperne nulla, ma è chiaro che la giunta Biffoni è in attesa di chiarimenti e approfondimenti sul destino della terza corsia della Firenze-Mare. A Firenze il presidente della Regione Eugenio Giani ha saputo della novità mentre era impegnato nel consiglio regionale. Rapido, anzi frenetico giro di telefonate, e il presidente già da ieri sera ha ottenuto un primo, importante risultato: venerdì prossimo, tra due giorni, Giani discuterà della questione terza corsia con l'amministratore delegato di Autostrade per l'Italia. In serata, sempre l'Ansa ha battuto una nuova agenzia nella quale si dice che la realizzazione della terza corsia dell'A11 Firenze-Pistoia «resta assolutamente parte dei piani di sviluppo di Autostrade per l'Italia». Non solo, fonti della società hanno riferito, sempre all'Ansa, che «il bando che è stato revocato era una procedura di prequalifica avviata nel 2019, subito dopo la presentazione del progetto esecutivo dell'opera al Mit, con lo scopo di iniziare a sondare il mercato nelle more dell'approvazione del progetto. Essendo trascorsi diversi mesi da allora, restando in attesa del via libera sul progetto esecutivo, si è preferito revocare il bando di prequalifica, visto che nel frattempo sono mutate le condizioni di mercato. Non appena il progetto esecutivo della terza corsia sarà approvato, Aspi avvierà subito una procedura aperta di gara per la realizzazione dell'opera». re.pt.