scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
14/09/2021

Finanziamenti PMI / 2

ItaliaOggi Sette

SETTORE : ENERGIA ANTICIPAZIONE: GRADO DI DIFFICOLTÀ: HHH L.3 TITOLO DEL BANDO: LIFE Contenuto: è aperto un bando del programma comunitario Life all'interno del sottoprogramma denominato Transizione all'energia pulita. Si tratta di azioni di coordinamento e di sostegno (CSA) al fine di facilitare la transizione verso un'economia efficiente dal punto di vista energetico, basata sull'energia rinnovabile, climaticamente neutra e resiliente. Si punta a sviluppare, dimostrare e promuovere tecniche, metodi e approcci innovativi per raggiungere gli obiettivi della legislazione e della politica comunitaria e ad incrementare la diffusione su larga scala di soluzioni tecniche e politiche di successo per l'attuazione della legislazione europea del Green deal. Possono essere cofinanziate attività di coordinamento e sostegno per la transizione socioeconomica verso l'energia sostenibile, coinvolgendo in genere più parti interessate di piccole e medie dimensioni, più attori tra cui autorità pubbliche locali e regionali e organizzazioni senza scopo di lucro, imprese, associazioni di consumatori. Il bando ha 18 ambiti e 5 temi di riferimento ovvero il tema 1 - denominato 'Costruire un quadro politico nazionale, regionale e locale a sostegno della transizione verso l'energia pulita' cofinanzia attività di supporto tecnico (rif. LIFE-2021-CET-LOCAL) a piani e strategie di transizione verso l'energia pulita nei comuni e nelle regioni; e (rif. LIFE-2021-CET-POLICY) attività di supporto all'implementazione della direttiva sull'efficienza energetica e della direttiva sull'energia rinnovabile; inoltre (rif. LIFE-2021-CET-GOV) cofinanzia attività di dialogo multilivello su clima ed energia per garantire la governance dell'energia. Mentre il tema 2 denominato «Accelerare il roll-out tecnologico, la digitalizzazione, nuovi servizi e modelli di business e la valorizzazione delle competenze professionali collegate sul mercato» cofinanzia (rif. LIFE-2021-CET-BUILDRENO) attività di lancio su larga scala di soluzioni industrializzate di ristrutturazione profonda; (rif. LIFE-2021-CET-AUDITS) attività di recepimento delle raccomandazioni sugli audit energetici per la transizione energetica delle aziende; (rif. LIFE-2021-CET-VALUECHAIN) progetti per promuovere l'assorbimento di energia sostenibile lungo l'intera catena del valore nell'industria e nei servizi; (rif. LIFE-2021-CET-BUILDSKILLS: BUILD UP Skills) iniziative per riavviare le piattaforme nazionali e le Roadmap; (rif. LIFE-2021-CET-COOLING) progetti per affrontare l'aumento della domanda di raffrescamento degli edifici nei prossimi anni; (rif. LIFE-2021-CET-SMARTSERV) iniziative per realizzare modelli di business innovativi e meccanismi contrattuali per servizi energetici intelligenti e di integrazione del settore; (rif. LIFE-2021-CET-SMARTREADY) progetti per creare le condizioni per un miglioramento globale della preparazione intelligente degli edifici europei. Il tema 3 del bando invece denominato 'Attrarre finanziamenti privati per l'energia sostenibile' cofinanzia (rif. LIFE-2021-CET-MAINSTREAM) progetti per rendere ordinario il finanziamento dell'energia sostenibile e integrare le prestazioni energetiche nei criteri e negli standard di finanziamento sostenibile dell'Unione europea; (rif. LIFE-2021-CET-INNOFIN) iniziative per realizzare schemi di finanziamento innovativi per investimenti nell'energia sostenibile. Il tema 4 del bando denominato 'Sostenere lo sviluppo di progetti di investimento locali e regionali' cofinanzia quattro tipi di attività ovvero (rif. LIFE-2021-CET-HOMERENO) progetti per servizi integrati di ristrutturazione delle abitazioni; (rif.LIFE-2021-CET-HOMERECOM) iniziative di comunità a livello comunitario di professionisti per servizi integrati di ristrutturazione di abitazioni; (rif.LIFE-2021-CET-COALREGIONS) iniziative di transizione all'energia pulita guidata dalla comunità nelle regioni del carbone, della torba e degli scisti bituminosi; progetti (rif. LIFE-2021-CET-PDA) cofinanzia progetti di assistenza allo sviluppo di investimenti energetici sostenibili. Mentre il tema 5 del bando denominato 'Coinvolgere e responsabilizzare i cittadini nella transizione verso l'energia pulita' cofinanzia (rif. LIFE-2021-CET-ENERPOV) iniziative per interventi negli edifici per i distretti vulnerabili; (rif. LIFE-2021-CET-ENERCOM) progetti di sostegno per le comunità energetiche e altre iniziative guidate dai cittadini nel campo della sostenibilità. Possono presentare domanda organizzazioni internazionali o realtà e persone giuridiche pubbliche e private con sede legale in uno degli Stati comunitari compresi gli Stati PTOM, ovvero Paesi e Territori d'Oltremare che non sono sovrani ma dipendono in misura diversa dai tre Stati membri con i quali mantengono legami speciali, ovvero per l'Olanda, Aruba, Bonaire, Curaçao, Saba, Saint Eustatius, Saint Maarten; per la Francia Nuova Caledonia, Polinesia francese, Terre australi e antartiche francesi, Isole di Wallis e Futuna, Saint Pierre e Miquelon, Saint Barthélemy; per la Danimarca, Groenlandia. Ogni progetto deve essere proposto da un consorzio di minimo tre realtà di tre Stati diversi, eccetto tre bandi in cui si possono inoltrare domande singole. Si possono ottenere fondi a copertura sino al 95% dei costi ammissibili. I bandi sono 18 con un importo totale di 101 milioni e mezzo di euro. La scadenza è il 12 gennaio 2022. A chi rivolgersi: https://ec.europa.eu/info/funding-tenders/opportunities - www.cinea.ec.europa.eu/life - CINEA - Agenzia esecutiva europea per il clima, le infrastrutture e l'ambiente SETTORE: FORMAZIONE ANTICIPAZIONE: GRADO DI DIFFICOLTÀ: HH L.2 TITOLO DEL BANDO: ERASMUS PLUS Contenuto: è aperto un bando del programma europeo Erasmus plus suddiviso per azioni chiave ovvero per l'Azione chiave 1 - accreditamenti Erasmus nell'IFP, nell'istruzione scolastica e per adulti la scadenza è il 19 ottobre 2021; per progetti di mobilità individuale nel settore della gioventù, la scadenza è il 5 ottobre 2021; per l'azione chiave 2 partenariati su piccola scala nei settori istruzione, formazione e gioventù, la prossima scadenza è il 3 novembre 2021. Ricordiamo che il programma ErasmusPlus ha un budget totale di 2.453,5 milioni ripartiti tra Istruzione e formazione (2.153,1 milioni di euro); Gioventù (244,7 milioni di euro); Sport (41,7 milioni di euro), azioni Jean Monnet (14 milioni di euro). Ne possono beneficiare oltre agli Stati dell'Unione europea, anche la Turchia, la Serbia, gli Stati PTOM, la Macedonia del Nord, gli Stati EFTA/See - Norvegia, Islanda e Liechtenstein. chi rivolgersi: ec.europa.eu/programAmes/erasmus-plus - Agenzie nazionali italiane Erasmus+ (INDIRE, INAPP, Giovani) www.erasmusplus.it SETTORE: INNOVAZIONE ANTICIPAZIONE: GRADO DI DIFFICOLTÀ: HH L.4 TITOLO DEL BANDO: EUIPO Contenuto: si può aderire ad un bando per ottenere voucher relativi alla proprietà intellettuale. Il bando è gestito dall' Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) e un fondo di venti milioni di euro è destinato al supporto di piccole e medie imprese con sede nell'Unione europea per aiutarle ad avvalersi dei propri diritti di proprietà intellettuale ed a trarne vantaggio. Il Fondo, finanziato da EUIPO e dal programma COSME della Commissione europea, offre un rimborso parziale dei costi sino ad un massimo del 75% per domande di marchio e disegno o modello e per la pre-diagnosi della proprietà intellettuale. La prossima scadenza è il 30 settembre 2021. Si ricorda che sono inoltre previsti 905 mln euro per garantire il funzionamento del mercato unico, compresi 584 mln euro per il programma per il mercato unico e quasi 200 mln euro per attività in materia di lotta antifrode, fiscalità e dogane. Sono previsti inoltre 5,5 mld euro per gli investimenti strategici europei, di cui 1,2 mld euro destinati a InvestEU per priorità fondamentali (ricerca e innovazione, duplice transizione verde e digi- tale, settore sanitario e tecnologie strategiche), 2,8 mld euro per il meccanismo per collegare l'Europa allo scopo di migliorare le infrastrutture frontaliere e 1,2 mld euro per il programma Europa digitale allo scopo di plasmare il futuro digitale dell'Unione; InvestEU potrebbe ricevere ulteriori 1,8 mld euro dal NGEU. Inoltre sono stati stanziati 1,9 mld euro per proteggere le frontiere europee, legati ai programmi comunitari ovvero 780 mln euro per il Fondo per la gestione integrata delle frontiere (IBMF) e 758 mln euro per l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex); 1,9 mld euro per aiutare gli Stati candidati e potenziali candidati a soddisfare i requisiti per il processo di adesione all'Unione europea, principalmente attraverso lo strumento di assistenza preadesione (IPA III); 1,3 mld euro per spese connesse alla migrazione, di cui 1,1 mld euro allo scopo di sostenere i migranti e i richiedenti asilo in linea con i nostri valori e le nostre priorità;1,2 mld euro per affrontare le sfide in materia di sicurezza e difesa comune, di cui 950 mln euro a sostegno dello sviluppo di capacità e della ricerca nel quadro del Fondo europeo per la difesa (FED), oltre a 232 mln euro a sostegno della mobilità militare;; 789 mln euro per il programma comunitario per la salute (EU4Health) allo scopo di garantire una risposta sanitaria globale alle esigenze delle persone, e 95 mln euro per il meccanismo di protezione civile dell'Unione (RescEU) per mobilitare rapidamente un'assistenza operativa in caso di crisi; RescEU potrebbe ricevere ulteriori 680 mln euro dal NGEU. È stata effettuata la prima operazione di finanziamento nell'ambito del NGEU e l'Unione europea ha raccolto venti miliardi di euro tramite la emissione di un'obbligazione a dieci anni con scadenza 4 luglio 2031 per finanziare i primi PNRR, ovvero i piani nazionali per la ripresa e resilienza dell'Europa dalla crisi da covid 19. L'emissione obbligazionaria europea ha suscitato un forte interesse da parte degli investitori tra cui anche Stati extraeuropei come la Cina. La Commissione europea e vuole implementare un Capital Market Union, l'unione dei mercati dei capitali, per attivare maggiori capitali in Europa al servizio delle imprese ed un ventaglio sempre più ampio di fonti di finanziamento A chi rivolgersi: https://euipo.europa.eu/ohimportal SETTORE: OCCUPAZIONE ANTICIPAZIONE: GRADO DI DIFFICOLTÀ: H H L.2 TITOLO DEL BANDO: LAVORO Contenuto: si ricorda che sono stati già erogati dalla Commissione europea degli aiuti per l'Italia di 868 milioni di euro per ridurre il costo del lavoro per i datori di lavoro privati in alcuni settori. La Commissione europea ha infatti approvato un regime di aiuti italiano da 868 milioni di euro per ridurre il costo del lavoro sostenuto dai datori di lavoro privati che operano nei settori del turismo, delle terme, del commercio, della cultura e del tempo libero, che sono stati particolarmente colpiti dalla pandemia di coronavirus. Il regime è stato approvato nell'ambito del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato. Gli aiuti, che mirano a preservare i livelli di occupazione, consisteranno in un'esenzione dal pagamento dei contributi sociali a carico dei datori di lavoro dovuti per il periodo dal 25 maggio al 31 dicembre 2021. L'importo massimo di aiuti che può essere concesso è pari al doppio del contributo non versato da parte del datore di lavoro in relazione alle ore di utilizzo della cassa integrazione nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2021. I beneficiari ammissibili non potranno licenziare dipendenti fino al 31 dicembre 2021. La violazione di tale divieto comporterebbe la revoca dell'aiuto (con effetto retroattivo) e l'impossibilità di chiedere il beneficio dei supplementi retributivi (Cassa Integrazione). La Commissione europea ha constatato che il regime è conforme alle condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, l'aiuto non supererà i 1,8 milioni di euro per impresa e sarà concesso entro il 31 dicembre 2021. La Commissione europea ha concluso che la misura è necessaria, adeguata e proporzionata per porre rimedio a un grave turbamento dell'economia di uno Stato membro in linea con l'articolo 107, paragrafo 3, lettera b, TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. Su queste basi la Commissione europea ha approvato la misura in quanto conforme alle norme dell'Unione sugli aiuti di Stato. La versione non riservata della decisione è consultabile sotto il numero SA.63720 nel registro degli aiuti di Stato sul sito web della Concorrenza della Commissione una volta risolte eventuali questioni di riservatezza. Inoltre, sono aperti quattro bandi per un valore di dodici milioni di euro a sostegno dei media e della sfera pubblica dell'Unione europea per promuovere l'accesso dei cittadini a informazioni affidabili in tutta l'Unione europea. Queste iniziative rientrano nel più ampio sforzo di sostenere un ambiente mediatico libero, sostenibile e pluralistico in tutta l'Unione europea, come annunciato nel piano d'azione per la democrazia europea e nel piano d'azione per i media e l'audiovisivo. A chi rivolgersi: https://ec.europa.eu/competition-policy/state-aid/coronavirus_en - https://digital-strategy.ec.europa.eu/en/policies/funding-news-media-sector BANDI E FONDI REGIONALI E STRUTTURALI SETTORE: AGRICOLTURA REGIONE: VALLE D'AOSTA Contenuto: sono aperti due bandi della Regione Autonoma Valle d'Aosta. Un bando prevede sostegni per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno. L'obiettivo del bando è quello di incentivare le azioni che promuovono il riconoscimento della qualità dei prodotti tutelati da sistemi di qualità, di valorizzare il loro legame con il territorio e di ampliarne il mercato, migliorandone la riconoscibilità. La scadenza è il 29 ottobre. Si segnala anche un altro bando con scadenza però al 31 ottobre e che riguarda la concessione di sostegni alla nuova adesione a regimi di qualità per incentivare l'adesione di nuovi operatori ai regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari riconosciuti a livello comunitario (DOP, DOC, prodotti da agricoltura biologica, indicazione geografica delle bevande spiritose, Sistemi di Qualità Nazionale). I contributi coprono dei costi di certificazioni e di eventuali analisi previste dal disciplinare di produzione e dal piano dei controlli. Riferimenti: https://www.regione.vda.it/agricoltura/PSR_2014-20/Bandi_aperti_misure_strutturali/attivita_di_informazione_e_promozione_i.aspx SETTORE: CALZATURIERO REGIONE: MARCHE Contenuto: si può aderire ad un bando della Camera di commercio delle Marche che per ridurre l'impatto ambientale del proprio tessuto produttivo, per promuovere l'economia circolare ha stanziato dei fondi per il settore manifatturiero in modo da incentivare le imprese ad una riduzione e migliore gestione dei rifiuti, all'utilizzo di materiali riciclabili o biodegradabili, alla pianificazione della second life o al riuso dei beni prodotti. Possono partecipare al bando micro, piccole e medie aziende con sede legale e unità locale nella Regione Marche con un codice Ateco 2007 pari a 15.2 - fabbricazione di calzature. Possono essere cofinanziate e quindi coperte in parte le spese per acquisto di materie prime naturali o rinnovabili o biodegradabili per la creazione del prodotto; costi per la realizzazione di processi a basso impatto ambientale; fondi per progetti di tracciabilità e sostenibilità delle materie prime, dei processi produttivi e dei luoghi di produzione; aiuti finanziati per l'utilizzo di packaging sostenibile. Sono ammesse le spese sostenute dal primo maggio 2021 al 31 ottobre 2021. L'acquisizione di beni, materie prime e packaging è subordinata alla presenza di una certificazione ambientale quali Ecolabel, riciclabilità, biodegradabilità, ISO14000 per esempio. Per quanto riguarda la sostenibilità del processo produttivo interno all'azienda sono ammissibili i costi di certificazione che l'impresa sta sostenendo per l'avvio o il mantenimento. Il contributo è pari al 50% fino a un massimo di cinquemila euro. Si può presentare domanda entro il 15 novembre 2021. Riferimenti: https: //www.marche.camcom. it/fai-crescere-la-tua-impresa/bandi-e-contributi/bando- sostenibilita-delle-produzioni-2013-anno-2021 SETTORE: FORMAZIONE REGIONE: TOSCANA Contenuto: si può partecipare ad un bando della Camera di commercio Maremma Tirreno che ha siglato un protocollo d'intesa con la Regione Toscana, la Direzione marittima della Toscana e l'Autorità portuale del mar Tirreno settentrionale per promuovere la realizzazione di iniziative di formazione tra istituzioni scolastiche, imprese e università. Si può fare domanda per ottenere un voucher di 1500 euro per inserire un partecipante in azienda del master di primo livello intitolato Smart and Sustainable Operations in Maritime and Port Logistics, gestito dall'Università di Pisa Centro Servizi Polo Universitario «Sistemi logistici». Possono inoltrare domanda micro, piccole e medie imprese, operanti del settore marittimo e portuale che possono ospitare un partecipante al master e che abbiano sede legale o unità operativa nella Provincia di Livorno o Grosseto. I voucher sono concessi per promuovere e favorire l'accoglienza da parte delle imprese dei partecipanti al master per lo svolgimento delle esperienze di tirocinio curriculare di cinquecento ore, previste in concomitanza o al termine delle attività in aula. Si può fare domanda entro il 30 novembre 2021. Riferimenti: https: //www.lg.camcom.it/pagina2592_bandi-della- camera-di-commercio-della-maremma-e-del-tirreno.html SETTORE: INNOVAZIONE REGIONE: LOMBARDIA Contenuto: è aperto un bando sino al 24 settembre della Camera di commercio di Milano, Monza, Brianza, Lodi per sostenere progetti a favore della trasformazione digitale delle imprese turistiche. Possono presentare domanda micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici con sede legale o unità locali nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Possono essere cofinanziati progetti con soluzioni per la customizzazione dell'offerta turistica in base a specifici target della domanda, soluzioni innovative di customer relation in chiave di fidelizzazione nel tempo, anche in modalità virtuale nel pre e post-esperienza; servizi avanzati al cliente in chiave di digitalizzazione (chatbox, digital concierge, progetti con applicazioni di Intelligenza Artificiale per il customer service, tecnologie immersive, realtà aumentata, informazioni real time; soluzioni innovative di fruizione delle esperienze turistiche e culturali in chiave di accessibilità e sostenibilità. Inoltre possono essere cofinanziati progetti di sicurezza continua come per esempio servizi innovativi per la gestione dei flussi oppure servizi innovativi in ambito salute e igiene; iniziative di marketing e performance quali lo sviluppo di strumenti innovativi di monitoraggio dei dati, analisi avanzate on line, sviluppo di innovative strumenti di informazione turistica anche in modalità virtuale; ottimizzazione della gestione aziendale grazie all'adozione di sistemi di process automation; soluzioni gestionali in grado di migliorare sia i processi di lavoro interni, sia la fruizione al pubblico. Sono ammesse spese per l'accesso a laboratori di enti di ricerca; per spese di servizi e tecnologie per l'ingegnerizzazione di software/hardware e per acquisto di prodotti relativi al progetto; spese per la tutela della proprietà industriale; spese del personale dell'azienda solo se espressamente dedicato al progetto, servizi di consulenza necessari alla diffusione e marketing o allo sviluppo delle soluzioni, spese per lavoratori autonomi/professionisti con partita Iva. Si può ottenere un contributo pari al 60% delle spese ammissibili con un import massimo a progetto di sessantamila euro. Riferimenti: http: //servizionline.milomb.camcom.it/front-rol - https: //www.milomb.camcom.it/call-for-solutions-turismo-verso-nuove-frontiere SETTORE: INVESTIMENTI REGIONE: CAMPANIA Contenuto: è aperto un bando della Camera di commercio di Napoli che elargisce contributi a fondo perduto per l'abbattimento dei tassi di interesse finalizzati a favorire gli investimenti e d a fornire alle imprese liquidità necessaria. Sono stato stanziati 4,5 milioni di euro. Possono fare domanda micro, piccole e medie aziende con sede legale o unità operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Napoli. Si possono ottenere al massimo cinquemila euro a supporto di esigenze di liquidità o per consolidamento delle passività a breve; o per investimenti produttivi. Sono contributi a fondo perduto erogati in un'unica soluzione e finalizzati all'abbattimento del tasso d'interesse (Taeg) sui finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari finanziari, con contratti stipulati a partire dal primo gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2021. Si possono inoltrare le domande sino al 31 dicembre 2021. Riferimenti: http: //www.na.camcom.gov.it/index.php/ SETTORE: INVESTIMENTI REGIONE: VENETO Contenuto: sino al 31 dicembre le imprese venete possono fare domanda per accedere al Fondo di rotazione anticrisi attività produttive. Le domande si inoltrano a Veneto Sviluppo S.p.A. e possono essere elargiti finanziamenti agevolati realizzazione di investimenti e interventi di supporto finanziario. È inoltre prevista l'erogazione di un contributo a fondo perduto a fronte di investimenti mobiliari quali macchinari, impianti tecnologici ed immateriali come brevetti, marchi, software. L'importo totale per i finanziamenti agevolati ammonta a sessanta milioni di euro e per il contributo a fondo perduto sono stati destinati in totale 29.176.000 euro. Possono inoltrare domanda micro, piccole e medie aziende anche in forma associata quali cooperative, consorzi, contratti di rete; l'importante è che abbiano sede operativa e legale nel territorio del Veneto. Dall'avvio effettivo della misura (le prime delibere risalgono a luglio 2020) alla data di pubblicazione della DGR sono state deliberate 1.190 domande per un controvalore di quasi 47 milioni di euro. Riferimenti: https://www.venetosviluppo.it/portal/portal/vs/Attivita/Agevolata/Prodotti SETTORE: INVESTIMENTI REGIONE: LOMBARDIA Contenuto: sino all'8 novembre si può aderire al bando Patrimonio impresa che sostiene le imprese aiutandole a rafforzare la struttura patrimoniale. Possono accedere imprese individuali e liberi professionisti che abbiano avviato l'attività professionale da minimo dodici mesi e che decidono di trasformarsi in società di capitali e che prima di presentare la domanda di partecipazione abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 25mila euro. Inoltre, il bando aiuta le pmi già costituite nella forma di società di capitali che abbiano deliberato un aumento di capitale pari ad almeno 75mila euro e che sostengano un investimento per lo sviluppo. Il bando ha un importo totale di 140 milioni di euro e prevede contributi a fondo perduto e garanzie sui finanziamenti concessi da Finlombarda. Riferimenti: www.finlombarda.it SETTORE: SVILUPPO REGIONE: FRIULI VENEZIA GIULIA Contenuto: si può aderire ad un bando per incentivi alle imprese di nuova costituzione con sede legale in Friuli Venezia Giulia. Si tratta di finanziamenti a favore delle imprese del settore dell'artigianato artistico, tradizionale, dell'abbigliamento su misura; finanziamenti per interventi di ammodernamento tecnologico; per consulenze inerenti innovazione, qualità, certificazione di prodotti; incentivi per la partecipazione a mostre, fiere, manifestazioni commerciali nazionali ed estere; cofinanziamenti per investimenti nel settore del commercio elettronico. La scadenza entro cui presentare domanda è il 31 ottobre. Possono essere coperte sino al 50% le spese ammissibili dal bando. Gli aiuti per progetti di commercio elettronico possono essere riconosciute spese effettuate dal primo gennaio 2020 sino ad un importo massimo di trentamila euro. Possono fare domanda micro, piccole, media aziende e consorzi, cooperative. Per la partecipazione a fiere, mostre, esposizioni e altre manifestazioni possono essere coperte spese effettuate da gennaio 2020 sino ad un importo massimo di 40mila euro. Per le consulenze possono essere coperte le spese sino ad un massimo di 24mila euro. Per progetti di ammodernamento tecnologico possono essere elargiti fondi sino a ventimila euro. Mentre per le attività artigianali artistiche, tradizionali e di abbigliamento su misura vengono elargiti al massimo 75mila euro. Riferimenti: CATA (Centro di assistenza tecnica alle imprese artigiane) https://www.cata.fvg.it SETTORE: SVILUPPO REGIONE: EMILIA ROMAGNA Contenuto: è aperto un bando della camera di commercio di Ravenna che punta a migliorare la collaborazione industriale e quindi sostiene la realizzazione di progetti integrati di sviluppo promossi dalle associazioni territoriali di categoria. Possono aderire al bando associazioni di categoria, società di servizi o, enti di formazione con sede legale o unità locale operativa e attività nella Provincia di Ravenna. Possono essere cofinanziati progetti inerenti al turismo e attrattività, valorizzazione delle produzioni locali, azioni per ottenere una posizione competitiva nei mercati internazionali; progetti di sviluppo e riposizionamento aziendale. Possono essere cofinanziate spese inerenti, per esempio, l'acquisizione di servizi e consulenze esterne; spese per beni e servizi per la realizzazione di visite aziendali, seminari, workshop, convegni, incoming di operatori esteri o per altri eventi promozionali come degustazioni, mostre. Inoltre, possono essere coperte in parte spese per la partecipazione a eventi fieristici, esclusivamente in forma collettiva (es. costi per interpreti e hostess); costi per idea zione, produzione, traduzione e stampa di materiali informativi e promozionali collettivi, formativi, siti web. Si può ottenere al massimo ottomila euro per una copertura massima del 60% delle spese ammissibili. Riferimenti: sistema WebTelemaco - https: //www.ra.camcom.gov.it/ SETTORE: SVILUPPO REGIONE: PUGLIA Contenuto: si può aderire ad un bando della Camera di commercio di Lecce che riguarda il progetto intitolato «Conciliare il covid 19: imprenditrici e professioniste tra pandemia, sfide digitali e conciliazione». Si punta a dare sostegno al sistema imprenditoriale e professionale femminile del Salento attraverso l'erogazione sperimentale di voucher per lo sviluppo della competitività delle donne imprenditrici e delle professioniste in tempi di crisi e per facilitare la loro ripartenza nella fase post-emergenziale del Covid-19. Possono inoltrare domanda aziende individuali la cui titolare sia donna; società di persone o cooperative costituite in misura non inferiore al 60% da donne, purché presiedute o amministrate da una donna; società di capitali; possono fare domanda anche titolari di partita Iva donne iscrivibili ai registri tenuti dalle Camere di Commercio; tutte devono però avere sede legale nella circoscrizione territoriale della Camera di commercio di Lecce. Possono essere coperte le spese in parte, per esempio, per l'acquisto di beni strumentali e servizi focalizzati sulle tecnologie digitali quali computer, tablet, monitor, webcam, smartphone 5G, attrezzatura IOT (Internet of Things); software/servizi cloud come antivirus, ebook, sistemi di pagamento digitali, sistemi di gestione privacy, app per mobile/tablet, sistemi di backup. Si può fare domanda sino al 30 novembre e il voucher al massimo ha un importo di mille euro, un importo veramente esiguo. Le spese ammissibili possono essere riconosciute dal primo marzo 2020 fino al 30/11/ 2021. Riferimenti: Sportello on line «Contributi alle imprese» sistema Webtelemaco Infocamere - Servizi e-gov https://www.le.cacom.gov.it/P42A3415C71S95 /Al-via-il-bando-voucher -della-Camera-di-Commercio-di-Lecce- Conciliare-il-Covid-Imprenditrici-e-professioniste-tra-pandemia-sfide-digitali-e-conciliazione.htm SETTORE: SVILUPPO REGIONE: TUTTE Contenuto: possono richiedere fondi le società cooperative di piccola e media dimensione al Ministero dello Sviluppo Economico. Si tratta di uno strumento finanziario gestito da Cooperazione Finanza impresa (CFI) che è complementare agli interventi già previsti dalla Legge n. 49/1985 - c.d. Legge Marcora. La procedura di presentazione e accettazione delle domande di agevolazione è a sportello. La nuova legge Marcora mette a disposizione finanziamenti a tasso zero a fronte di programmi di investimento; esigenze di liquidità direttamente finalizzate all'attività di impresa. Possono beneficarne anche cooperative del settore agricoltura e pesca, per esempio, per la creazione di una nuova unità produttiva o per l'ampliamento di una unità produttiva esistente oppure per un cambiamento radicale del processo produttivo, o per interventi per migliorare l'ecosostenibilità della produzione (es. interventi per il benessere animale, tutela ambiente etc.); progetti per investimenti nel settore della trasformazione di prodotti agricoli e della commercializzazione. Le cooperative del settore pesca possono ottenere per esempio un aiuto per l'acquisto di pescherecci; per la sostituzione o l'ammodernamento di motori principali o ausiliari dei pescherecci; aiuti a favore di operazioni dirette ad aumentare la capacità di pesca di un peschereccio o a favore di attrezzature atte ad aumentarne la capacità di ricerca del pesce; aiuti a favore dell'arresto temporaneo o definitivo delle attività di pesca; aiuti alle attività di pesca sperimentale; fondi per favorire il trasferimento di proprietà di un'impresa; aiuti al ripopolamento diretto. Vengono elargiti finanziamenti a medio e lungo termine sino ad un massimo di due milioni di euro. Il piano di investimento presentato non deve essere inferiore a tre anni, massimo di dieci anni di cui massimo tre anni di preammortamento. Si tratta di un rimborso semestrale, con rate scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno e sul finanziamento non viene richiesta nessuna garanzia, né personale, né reale, né bancaria, né assicurativa. Riferimenti: CFI - www.cfi.it SETTORE: SVILUPPO REGIONE: TUTTE Contenuto: è stato stanziato un miliardo di euro per le imprese della filiera delle batterie e 700 milioni per quelle della microelettronica e sono stati pubblicati in Gazzetta ufficiale i decreti del Mise che ripartiscono le risorse stanziate nel Fondo Ipcei (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo). I fondi, a cui le imprese italiane selezionate possono accedere a partire dal 3 settembre, sono destinati a progetti di investimento e attività di ricerca, sviluppo e innovazione da realizzare in Italia nell'ambito delle catene di valore strategico individuate dall'Unione europea. L'obiettivo degli interventi promossi dal Mise è rafforzare la competitività di settori strategici dell'industria nazionale ed europea attraverso una forte sinergia e integrazione tra le filiere dei Paesi membri della Unione europea. Le risorse sono ripartite ovvero per Ipcei Batterie 1 sono stanziati 473,35 milioni di euro per sostenere progetti e attività finalizzate a introdurre tecnologie altamente innovative e sostenibili lungo l'intera catena del valore delle batterie agli ioni di litio, con l'obiettivo di migliorare le caratteristiche di durata, i tempi di caricamento, la sicurezza e la compatibilità ambientale dei nuovi prodotti in linea con i principi dell'economia circolare; per Ipcei Batterie 2 sono destinati 533,6 milioni di euro per sostenere progetti e attività finalizzate alla ricerca e sviluppo della produzione di materie prime, celle, moduli e sistemi di batterie elettriche su larga scala per il settore industriale italiano ed europeo; per Ipcei Microelettronica sono stanziati 325,85 milioni di euro, che si aggiungono ai 410,2 milioni di euro già programmati, per realizzare e sviluppare tecnologie e componenti microelettroniche innovative nei settori dei chip efficienti sul piano energetico, dei semiconduttori di potenza, dei sensori intelligenti, dell'attrezzatura ottica avanzata e dei materiali compositi. Riferimenti: MISE - www.mise.gov.it