scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/11/2020

Ferrara, bonus a chi ha chiuso per il Dpcm

La Nuova Ferrara

Bando comunale da 540mila euro, contributi da 1.000 o 500 euro alle imprese per compensare le limitazioni antivirus
Nuovo bando anti-crisi del Comune di Ferrara, che mette a disposizione circa 540.000 euro per le attività economiche che abbiano subito restrizioni o chiusure a causa degli ultimi Dpcm. Il bando prevede l'erogazione di un contributo di 1.000 o 500 euro per aiutare le imprese a fare fronte alle spese vive che molti si trovano a dover sostenere nonostante non possano aprire o siano soggetti alle limitazioni introdotte dai decreti del governo e determinate dall'ingresso dell'Emilia-Romagna in fascia arancione, o ancora prima in quella gialla. Le nuove misure di sostegno si sommano a precedenti iniziative anti-crisi dell'amministrazione. Dopo il lockdown, infatti, la giunta del sindaco Alan Fabbri ha avviato una prima tranche di aiuti da un milione di euro e, a ottobre, un nuovo "pacchetto" di risorse dedicate da 200.000 euro. Nel complesso, ad oggi, le realtà economiche che hanno ricevuto i contributi (o che ne saranno destinatarie) sono circa 1.200. Il nuovo bando consentirà di accedere ai fondi anche a nuove categorie di attività. «L'iniziativa che abbiamo messo in campo è una nuova misura di sostegno per dare un po' di ossigeno a chi è stato duramente colpito dai provvedimenti del governo - spiega lo stesso Fabbri - Non ci fermiamo: stiamo infatti individuando ulteriori risorse e studiando altre misure per sostenere, ad esempio, il comparto turistico e le realtà associative, come i circoli ricreativi delle frazioni. Il Comune c'è e intende fare la propria parte per sostenere il lavoro e per non lasciare nessuno indietro. Mi auguro che anche il governo stanzi risorse adeguate e investa sull'occupazione», aggiunge il sindaco. «Abbiamo realizzato questo bando, che prevede contributi a fondo perduto, verificando la compatibilità con la normativa europea sugli aiuti di Stato, che consente questi aiuti solo alle attività di prossimità e non a chi opera in un contesto di mercato internazionale», specifica l'assessore al Bilancio, Matteo Fornasini. «Ancora una volta l'amministrazione, in tempi rapidi, mette a disposizione risorse proprie per aiutare il tessuto imprenditoriale della città a resistere in un momento difficile. In questo modo vogliamo anche dare un segnale: dobbiamo salvare le imprese se vogliamo salvare il lavoro e l'occupazione», sono sempre affermazioni di Fornasini. Per la gestione delle domande (che potranno essere presentate in forma semplificata dal portale web), il Comune si avvale del supporto dell'Agenzia per lo sviluppo Sipro. Il bando sarà pubblicato nei prossimi giorni sul sito istituzionale e su quello Sipro. --© RIPRODUZIONE RISERVATA