scarica l'app
MENU
Chiudi
12/08/2020

Fame di lavoro Boom di imprese alle gare d’appalto della Provincia

Gazzetta di Mantova - Sandro Mortari

Manutenzione delle strade da 2,5 milioni: in 186 in corsa E al bando per i lavori in una scuola hanno risposto in 178 crisi economica
Sandro MortariQuando si dice fame di lavoro. Sono ben 186 le imprese che hanno partecipato alla recente gara, bandita dalla Provincia, per il primo lotto 2020 delle manutenzioni straordinarie di tre strade. Un esercito di imprenditori provenienti da tutt'Italia, ciascuno dei quali aspira ad aggiudicarsi l'appalto complessivo di 2.531.759,12 euro, di cui 1.756.099,33 di lavori, in un momento in cui le imprese hanno un bisogno disperato di avere commesse per sopravvivere. Non è la prima volta che un appalto della Provincia registra una partecipazione così elevata. Qualche mese fa furono 178 le imprese concorrenti alla gara da un milione 600mila euro bandito per conto del Comune di Ostiglia per lavori alla scuola Cornelio Nepote. Oppure, altre 91 aziende risposero al bando per aggiudicarsi la manutenzione straordinaria (un milione 100mila euro) delle strade di interesse regionale. Appalti appetibili per il volume di interventi che non richiedono grosse specializzazioni.Che il periodo sia magro sul fronte del lavoro lo denuncia anche l'elevata partecipazione ai concorsi pubblici. Agli ultimi banditi dalla Provincia gli aspiranti al posto fisso si sono presentati a frotte per far domanda. Salvo poi ridursi di molto quando è stato il momento di sostenere le prove di selezione. Per esempio, sono stati 187 i candidati ammessi al concorso per quattro posti a tempo indeterminato di istruttore direttivo amministrativo. Altri 130 hanno partecipato invece al concorso che metteva in palio un posto (sempre a tempo indeterminato) di istruttore amministrativo, mentre in 36 si sono presentati alla selezione per un posto di istruttore direttivo tecnico.Anche in Comune a Mantova gli ultimi concorsi hanno registrato un elevato numero di candidati. Ben 60 (di cui ammessi 57) quelli che hanno concorso per i sei posti di agente della Polizia locale e altri 48 per i due posti di ufficiale sempre nella Polizia locale. «Solo» 19, invece, si sono presentati per un posto di istruttore amministrativo.Tornando all'appalto per gli asfalti della Provincia, il termine per presentare le offerte è scaduto il 20 giugno e, data la mole dei partecipanti, gli uffici di Palazzo di Bagno si sono messi subito al lavoro per esaminare prima la documentazione di ogni impresa partecipante e poi l'offerta economica. In cinque sedute, l'ultima la settimana scorsa, si è arrivati a definire il quadro delle aziende che hanno superato il primo scoglio della verifica della documentazione e le cui offerte saranno ora sottoposte ai raggi X. Di quelle 186 imprese ne sono state escluse otto, per cui sono rimaste in 179 a giocarsi i lavori per la manutenzione straordinaria di 27 chilometri di asfalto di tre strade: l'ex statale Virgiliana nel tratto tra San Benedetto Po e Quistello (quasi cinque chilometri tra i più ammalorati e pericolosi dell'intera rete viaria provinciale), tra San Giacomo delle Segnate e San Giovanni del Dosso e tra San Giovanni del Dosso e Poggio Rusco, la provinciale 43 Quistello-Pieve di Coriano (nel tratto che lambisce l'abitato di Quingentole) e un segmento della 57 Mantova-San Matteo-Viadana.Esaminare le 179 offerte presentate e decidere quale sia la più conveniente per la Provincia per aggiudicarla in base al minor prezzo rispetto a quello posto a base di gara non sarà semplice. E nemmeno veloce. Il cronoprogramma iniziale, che prevedeva lo svolgimento dei lavori tra giugno e ottobre, è già saltato. Trattandosi, però, solo di 27 chilometri di strade da mettere a posto si è ancora in tempo per concludere i lavori prima della brutta stagione. E infatti, a Palazzo di Bagno si pensa di ridurre al massimo il ritardo e di asfaltare entro metà novembre. --