scarica l'app
MENU
Chiudi
15/01/2021

Ex piscina comunale chiesto un sopralluogo

Il Messaggero

NELL'AREA DOVREBBE SORGERE IL MULTISALA E SENZA LA PERIZIA SUL VALORE DELL'IMMOBILE NON SI PUÒ FARE IL BANDO
CASSINO
Un sopralluogo dei tecnici dell'Agenzia del Demanio nell'area del relitto dell'ex piscina comunale di Cassino per verificare l'eventuale presenza di un fosso ma anche un sopralluogo di periti dell'Agenzia delle Entrate e del Territorio per valutare il valore dell'immobile. E' quanto annunciato dal comune di Cassino per definire la questione che blocca i progetti in questa area collegata al centro sportivo di via Appia. Il comune di Cassino, per questi cavilli burocratici, non può pubblicare il bando per la messa in vendita del manufatto. Un imprenditore romano è interessato a rilevarlo per trasformarlo in un cinema multisala. Ma al momento della richiesta del via libera è risultato sulle mappe la presenza di un fosso che, invece, non c'è. E perciò il sindaco Enzo Salera ha chiesto un sopralluogo per una verifica dello stato delle cose. E poi il sindaco ha sollecitato ancora una volta l'Agenzia delle Entrate a fornire una valutazione dell'immobile. Con questi dati i tecnici comunali possono pubblicare il bando per la vendita con la clausola della destinazione a cinema multisala con un progetto di finanza. «Siamo in attesa di questo sopralluogo ha detto il sindaco in modo di poter procedere celermente all'avviso pubblico e quindi autorizzare gli investitori a realizzare questa nuova opera a costo ero per il comune. Per questi cavilli stiamo fermi da un anno anche a causa del Covid».
Inoltre in questa area dovrebbe nascere la futura cittadella dello sport e dello spettacolo nello spazio di un paio di anni. Per adesso si comincia con il cinema. Che da tre anni non c'è a Cassino. Ma anche qui si è scoperta l'estate scorsa un'altra criticità. Ossia i terreni espropriati molti anni fa intorno allo stadio e al palazzetto dello sport non risultano ancora intestati al comune di Cassino. Nonostante il pagamento e gli atti notarili non risultano volturati al comune per la dimenticanza, probabilmente, degli impiegati dei vari enti interessati. Il sindaco ha interessato gli uffici competenti, a cominciare dall'Agenzia del Territorio, per completare la voltura. Una volta risolta questa carenza cartacea si potrà procedere al bando per la manifestazione d'interesse da parte di imprenditori che vogliono realizzare nuove opere sportive. L'obiettivo del comune è quello di completare la cittadella dello sport con altri impianti. E vi sarebbero diverse imprese interessate.
Domenico Tortolano