MENU
Chiudi
04/03/2019

Ex-Perfosfati, avvio dei lavori forse entro fine estate

Il Gazzettino

In consiglio ok alla variazione di bilancio e alla modifica al piano delle opere pubbliche
PORTOGRUARO Il 2019 sarà l'anno della svolta per l'ex Perfosfati di Portogruaro. Procede l'iter che porterà finalmente al recupero dei capannoni dell'ex fabbrica. Nei giorni scorsi il consiglio comunale ha licenziato la variazione di bilancio e la modifica al programma delle opere pubbliche riportando l'intervento nell'annualità 2019, dopo che il decreto Milleproroghe aveva costretto il Comune, lo scorso dicembre, a posticipare la riqualificazione al 2020. «Oggi gli uffici tecnici - ha precisato il sindaco Maria Teresa Senatore - stanno lavorando al bando di gara europeo. Un bando molto complesso, che prevede lavori per 3 milioni e 780mila euro e che ha i suoi tempi. Siamo comunque molto soddisfatti per lo sblocco dei fondi del Bando Periferie, che ci consentirà di riqualificare un'area che, dopo anni in cui è rimasta ferma, è ancora oggi un monumento al degrado». Il rifinanziamento del Bando Periferie è stato approvato con l'ultima Legge finanziaria, con cui il Governo ha dato seguito all'accordo raggiunto in Conferenza unificata con l'Anci nell'ottobre 2018. Il Comune è in attesa dal Ministero del rimborso della spesa di 233mila euro, sostenuta l'anno scorso per la progettazione dell'intervento e per i rilievi, analisi e prove sulle strutture. Entro giugno si dovrebbe poter avviare la gara d'appalto. L'avvio dei lavori veri e propri dovrebbe avvenire entro l'estate. Il condizionale è d'obbligo perché il cronoprogramma verrà meglio definito una volta approvata la nuova convenzione con la Città metropolitana di Venezia, che sta coordinando, a livello provinciale, tutti i progetti che hanno partecipato al bando ministeriale. RECUPERO TOTALE Altra novità emersa nel corso della riunione è il fatto che il Comune anticiperà i soldi dell'intervento e per step, in base all'avanzamento dei lavori, chiederà conseguentemente il rimborso allo Stato. Entro dicembre 2019 l'amministrazione dovrebbe liquidare, alla ditta che si aggiudicherà i lavori, la prima rata, per un valore di un milione e 200mila euro, che dovrebbero essere rimborsati nel giugno 2020. L'intervento, che ammonta a 3 milioni 780mila euro (il quadro economico di spesa complessivo è di 4 milioni e 890mila) prevede il recupero totale dei capannoni esistenti al fine di riproporre la struttura tipologica del 1950. La prima fase di messa in sicurezza prevede un intervento in grado di bloccare il fenomeno di degrado dei materiali, al quale seguirà il rinforzo delle strutture. Il progetto prevede anche la bonifica delle aree interne. Nell'ultimo consiglio, prima il dirigente dell'Area tecnica Damiano Scapin poi l'assessore ai Lavori Pubblici Angelo Morsanuto, replicando alle osservazioni della minoranza, hanno confermato che il recupero totale dell'immobile è stato 'imposto' dalla Soprintendenza e che, una volta ultimati i lavori, l'ex Perfosfati sarà utilizzabile per attività temporanee. Teresa Infanti

Foto: EX-PERFOSFATI Il 2019 potrebbe portare il recupero della vecchia fabbrica


Foto: L'INTERVENTO, CHE VALE 3,8 MILIONI DI EURO, PREVEDE LA BONIFICA DEL SITO E IL RECUPERO DEI CAPANNONI SECONDO LA TIPOLOGIA DEL 1950

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore