scarica l'app
MENU
Chiudi
13/06/2020

«Ex grottino, a luglio la struttura funzionerà»

QN - Il Resto del Carlino

RECANATI di Asterio Tubaldi Non vede ancora la fine la vicenda, iniziata nel 2016, legata al rilascio al suo legittimo proprietario, e cioè il Comune di Recanati, di quello che un tempo era «il grottino», e cioè il chiosco bar con annessa una piccola pista da ballo all'aperto che si trovava all'ingresso del parco del Colle dell'Infinito. Oggi di quella struttura non esiste più neanche un mattone in quanto è stata demolita per far posto a una nuova costruzione moderna che accoglierà, oltre al punto di informazione turistica, anche una zona di ristoro con bar e vendita di prodotti del territorio, servizi gestiti dalla società cooperativa Sistema Museo. La vecchia gestione dell'allora «Infinito caffè», come si era trasformato nel tempo l'ex grottino, se ne è andata, sfrattata dal Comune visto che il contratto di locazione era scaduto da tempo, lasciando però dietro di sé una scia di affitti non pagati per un importo che oggi viene quantificato in circa 50mila euro compresi interessi e spese legali sostenute dall'amministrazione. Il Comune si è visto così costretto in questi giorni a dare mandato a un legale per procedere al recupero coattivo, tramite esecuzione immobiliare, del credito vantato. È stato, quindi, dato mandato all'avvocato Irene Mascellari di Civitanova di procedere e per questo è stato assunto dal Comune un impegno di spesa di circa 3.500 euro. Ma quando entrerà in funzione la nuova struttura terminata da tempo, data in concessione, alla fine dell'estate scorsa, alla cooperativa perugina Sistema Museo che già gestisce tutto il sistema museale della città? Il sindaco Antonio Bravi indica una data, quella di luglio, il tempo di perfezionare il subappalto da parte della cooperativa a un privato per la gestione del punto di ristoro, mentre Sistema Museo penserà ad amministrare il servizio di informazione turistica. Questa del subappalto aveva generato in città, specie fra le forze politiche di opposizione, molte critiche perché in questo modo si superava la procedura di gara con la partecipazione di più concorrenti e con la possibilità di condizioni più favorevoli per il Comune. Sabrina Bertini della civica «In Comune» ha sempre osteggiato la creazione di un punto di ristoro all'ingresso del Colle dell'Infinito che, oltre a essere poco confacente con l'ambiente, andava a penalizzare le attività delle aree limitrofe. Altro motivo di contrasto è che fosse prevista lì un'area di sosta dei pullman turistici «che porterà - afferma Bertini - direttamente i visitatori nell'area del Colle escludendoli dalle altre zone di Recanati». © RIPRODUZIONE RISERVATA