scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
10/04/2021

Entro l’anno la gara d’appalto per la primaria di via Flangini

Il Gazzettino

SACILE
Avanza l'iter della nuova scuola di via Flangini. Lo annunciano il sindaco Carlo Spagnol e l'assessore alle 0pere pubbliche e viabilità, Roberto Ceraolo, informando che l'assegnazione del progetto definitivo-esecutivo e della direzione lavori per la costruzione della nuova primaria di San Odorico è finalmente alle porte. «La Centrale unica di committenza ha infatti concluso il suo lavoro. Il vincitore è un gruppo guidato dallo studio di architettura Settanta7 di Torino». Fin qui la notizia, ma la riflessione, ancora una volta, cade sui tempi necessari alla realizzazione di un'opera pubblica. «Tempi troppo lunghi - affermano -: lo dicono i nove mesi necessari per le procedure di gara richieste per l'affidamento di un progetto, a fronte dei poco più di tre mesi messi a disposizione dei professionisti per la redazione - in due fasi - del progetto definitivo ed esecutivo. Una situazione ben nota - aggiungono, - ma che finora non ha trovato, nella politica nazionale, interpreti capaci di segnare una svolta. Così il Paese - ribadiscono - non può ripartire e siamo solidali con l'appello del presidente dell'Autorità garante della concorrenza e del mercato, Roberto Rustichelli, che proprio oggi si è appellato pubblicamente, chiedendo provvedimenti urgenti per la semplificazione e la sospensione, a tempo, del Codice degli appalti, parlando di effetti patologici della burocrazia».
Se gli appesantimenti maturati negli ultimi decenni hanno fatto da freno in tempi normali, è impensabile, per sindaco e assessore, che in queste condizioni ci possa essere una vera ripartenza dopo una tragedia pandemica che sacrifica vite umane e che mette a rischio la sopravvivenza di una moltitudine di attività economiche. E qui il messaggio: «è tempo di riflettere, seriamente, sugli esiti della legge Bassanini, che ha voluto spostare l'asse decisionale dagli amministratori pubblici ai funzionari, moltiplicando le procedure. Alle persone che si candidano e raccolgono il consenso dei propri cittadini devono essere restituite autorità e poteri decisionali reali, senza i quali, ad esempio, il Friuli non sarebbe potuto così rapidamente risorgere dopo il terremoto del 1976». Tornando alla scuola di via Flangini, i professionisti non partiranno da zero, perché avranno a disposizione lo Studio di fattibilità già predisposto dal Comune, che quantifica in 3,9 milioni di euro le risorse necessarie per la sua costruzione. Una struttura a piano unico, con 10 classi, mensa e spazi comuni e tutte le opere esterne, con l'ingresso dalla nuova rotonda e il parcheggio esterno. L'auspicio è quello di poter avviare la gara d'appalto entro l'anno.
M.S.
© RIPRODUZIONE RISERVATA