scarica l'app
MENU
Chiudi
05/02/2020

Entro fine mese riapre via Giordano Bruno

Il Messaggero

I LAVORI IN DIRITTURA D'ARRIVO. INTERVENTI PER COPRIRE LE BUCHE PIÙ PERICOLOSE E PER SISTEMARE IL TUNNEL DI VIA DI VIGNA TURCI
MANUTENZIONI
Buche e voragini, l'amministrazione dà il via alle manutenzioni stradali. Alcun interventi, come quello nell'area industriale, sono già iniziati da alcuni giorni, ma dalla prossima settimana si entrerà nel vivo con dieci mini cantieri aperti in diverse zone della città. Nella lista delle opere, oltre a una ventina di buche pericolose, sono state inserite anche le pulizie delle caditoie.
STADIO AVANZATO
Febbraio sarà dunque un mese all'insegna delle manutenzioni ordinarie e straordinarie. Gli appalti partiti con la precedente amministrazione, come quelli per via Giordano Bruno e Porta Tarquinia, stanno per concludersi, mentre altri, per un totale di circa 150 mila euro, sono in procinto di iniziare. Per quanto riguarda via Giordano Bruno, se non ci saranno ulteriori intoppi sulla messa in sicurezza della fognatura, entro la fine del mese la strada dovrebbe essere riaperta al traffico. «La situazione in cui versano la maggior parte delle arterie cittadine - afferma l'assessore ai Lavori pubblici Roberto D'Ottavio - è pessima. Ci sono buche ovunque, tratti completamente disconnessi e che minano l'incolumità di automobilisti e pedoni. Per questo abbiamo deciso di mettere in campo alcune risorse per migliorarne le condizioni e ripristinare la sicurezza. Verrà usato l'asfalto a caldo, non la tecnica sperimentata, ma un intervento simile che garantisce comunque maggiore durata». L'assessore spiega infatti che quando la ditta RoadOn venne a proporre la nuova tecnica, già erano in essere gli appalti. Ma per i prossimi interventi, visti i risultati ottenuti, verrà sicuramente presa in considerazione la nuova tecnica. Si dovrà invece attendere per vedere sistemata via Don Milani, dove da due mesi un tratto è transennato. «La strada - dice D'Ottavio - è sprofondata, ma il problema riguarda i servizi privati presenti nel sottosuolo. Stiamo valutando la situazione. Per il momento - aggiunge - ci andremo a concentrare nell'eliminazione di quelle voragini di diametro inferiore al metro quadro. Per le situazioni più critiche, dove è necessario rifare interi tratti, si deve attendere».
LE OPERE AVVIATE
Intanto, dalla scorsa settimana, sono iniziati i lavori in zona industriale per riparare un ampio tratto di carreggiata nei pressi di via Alfio Flores, dove il passaggio continuo dei tir ha creato avvallamenti e profondi solchi nell'asfalto. «In zona industriale - dice ancora l'assessore - stiamo portando avanti anche un altro importante intervento, quello relativo alla messa in sicurezza del sottopasso di via di Vigna Turci. Stiamo operando per il ripristino della pompa di sollevamento e sul sistema di allarme e nel giro di quindici giorni il tunnel sarà di nuovo agibile ma soprattutto sicuro». E in materia di sicurezza, l'esponente della giunta, sia attraverso la squadra di Civitavecchia servizi pubblici, che con l'aiuto di una ditta specializzata, sta procedendo alla pulizia di tutte le caditoie cittadine. «Con Csp ne abbiamo già messe in sicurezza 50 - riferisce D'Ottavio - per quelle più complesse ci siamo avvalsi di una società specializzata. Per impedire allagamenti è fondamentale tenere il sistema di scolo e raccolta delle acque reflue sempre pulito».
Giulia Amato
© RIPRODUZIONE RISERVATA