scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
24/11/2020

Entro febbraio un progetto per richiamare i turisti

Il Gazzettino

LE CATEGORIE ECONOMICHE ASSIEME A CROCIERE E AEROPORTO RIUNITE CON L'ASSESSORE VENTURINI CHE CRITICA IL MINISTRO: «CITTA' D'ARTE IN LOCKDOWN»
TURISMO
VENEZIA Le categorie interessate al turismo sono state chiamate dall'assessore competente, Simone Venturini, per fare il punto sulla situazione ed elaborare le strategie d'uscita dallo stallo attuale. «Ho chiesto che all'Ogd (Organizzazione di gestione di destinazione) fossero presenti anche porto crociere e aeroporto, dato che si toccavano temi legati ai bandi regionali», ha esordito Venturini. L'assessore ha poi fatto il punto sul momento attuale: «Il termometro misura un grado di preoccupazione in città, per questo abbiamo improntato il discorso sul pratico. Abbiamo dibattuto di finanziamenti e opportunità, molto spazio è stato dedicato ai bandi regionali, ci siamo parlati per esser coordinati nell'affrontare soprattutto l'aspetto della promozione della città. Serve un progetto, entro febbraio, a favore del sistema Venezia». Inoltre, l'esponente fucsia è tornato su un tema dibattuto come il rapporto con l'Enit (l'ente nazionale che si occupa di turismo): «Il Comune collabora con Enit, bisogna essere reattivi e veloci per cogliere le opportunità. Quando l'ente ci chiede un tema da veicolare in un settore o in un Paese, vorremmo che le categorie fossero più partecipi». Sulla promozione avevano chiesto aiuto anche gli albergatori che, a partire dall'acqua alta, volevano una comunicazione diversa. Proposta accolta da Venturini: «Già lo scorso mese abbiamo cambiato il modo di affrontare la comunicazione ufficiale, accostando alla cifra numerica, anche l'impatto sul piano di calpestio. Inoltre, vogliamo studiare una interfaccia che consenta ai vari operatori o residenti e visitatori di vedere i percorsi legati alla marea, un modo per far capire da subito la realtà». Sul piatto c'è anche la condivisione degli eventi: «Condivideremo in anticipo le scelte sugli eventi cittadini. Già lunedì manderemo il calendario degli eventi stabiliti come il 25 aprile, il Salone nautico, la Biennale, Homo faber. Mentre il Natale sarà un momento di riflessione artistico, dobbiamo far capire che Venezia non è solo un capitale monumentale del passato, ma pure un luogo dove sperimentare arte contemporanea, anche in maniera ardita, purché rispettosa dei contesti». Un esempio di questo sono i recenti eventi alla Mission Impossible o Playstation: «Ricerchiamo produzioni video e commerciali, sempre purché rispettose del contesto», prosegue l'assessore. Non manca uno sguardo all'Europa: «Stiamo setacciando la programmazione europea per capire cosa fare in termini di risorse. Prima di Natale aggiorneremo l'Ogd sulla programmazione relativa al prossimo anno, in particolare sul Carnevale e sull'avanzamento dei bandi regionali per finanziare le attività del tavolo di confronto». Venturini è partito in quarta con questa sua nuova delega rispetto allo scorso mandato. E lo si evince anche nel rapporto con Roma, dato che non manca di tirare per la giacca il ministro Dario Franceschini: «La percezione è che si parli poco di turismo nelle riunioni di emergenza del Governo. Il tema dei colori che lo Stato sta utilizzando per contraddistinguere le Regioni non ha senso per le città d'arte. Di fatto, queste ultime sono in un lockdown indotto. Il ministero deve coinvolgerci nelle decisioni, dando ai Comuni la possibilità di fare scelte almeno su temi come commercio, trasporto, flussi e locazioni turistiche». (t.bor.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA