MENU
Chiudi
11/10/2018

Enel, vertenza del carbone il bando bis soddisfa tutti

Il Messaggero

LAVORO
È stato pubblicato lo scorso 3 ottobre con scadenza 22 ottobre, il nuovo bando di gara dell'Enel per lo scarico del carbone. Un bando, che dopo la quadra raggiunta nel corso delle riunioni volute dalla Cgil in Regione con Comune e Autorità portuale, e dopo l'ultimo incontro a Molo Vespucci, è stato adeguato in base alle richieste avanzate da istituzioni e sindacati e dalla stessa Adsp. Nella nuova gara è specificato come «per svolgere attività rientranti nel ciclo delle operazioni portuali è sempre richiesto il titolo autorizzativo di cui all'art.16 della legge 84/94», e «in considerazione del regime di concessione esclusiva della somministrazione di manodopera nel porto in base all'art. 17 della legge 84/94 è previsto l'utilizzo esclusivo del concessionario ex art. 17 per le operazioni di pulizia stive e le operazioni di movimentazione carbone in stiva con pale meccaniche». Sono stati recepiti i punti evidenziati nella nota di Molo Vespucci e che tutelano le imprese locali (che rientrano già nell'articolo 16) e le maestranze di Minosse e della Compagnia Portuale (articolo 17). Accolte anche le richieste fatte dal sindaco Antonio Cozzolino e dai sindacati sulle clausole di salvaguardia sociale. «Per quanto riguarda la parte tecnica ha commentato la segretaria generale dell'ente, Roberta Macii (nella foto) si è trovata la quadra. Enel ha recepito le nostre istanze e ora il bando è coerente con la legge speciale che regola i porti». Soddisfazione viene espressa anche dalle istituzioni che hanno mediato tra le parti. Cozzolino parla di «ottimo risultato di mediazione che salvaguarda i livelli occupazionali e garantisce i lavoratori, che è quello che interessava l'Amministrazione. Quindi bene la revisione della clausola sociale a cui il Comune teneva particolarmente fin dal tavolo del lavoro del 9 luglio». Sulla stessa linea anche la Pisana. «L'intesa impegna le parti affermano gli assessori Mauro Alessandri (Trasporti) e Claudio Di Berardino (Lavoro) - a definire nel dettaglio alcuni aspetti della gara, nella direzione di una maggiore garanzia per i lavoratori precedentemente impiegati nell'appalto».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore