scarica l'app
MENU
Chiudi
14/02/2020

Emergenza casa, ecco gli alloggi

QN - Il Giorno

VIMODRONE di Barbara Calderola Via al primo bando allargato per la case popolari, niente più graduatorie comunali, ma distrettuali, così dispone la nuova legge regionale. Selezione che insiste sull'area, dunque, e non più entro le singole mura cittadine, nel caso di Vimodrone lista da condividere con Pioltello, Segrate e Rodano, bacino di utenza di 94mila 922 residenti. Fra tutti e quattro i centri sono un migliaio le famiglie in attesa di mettersi un tetto sopra la testa, ma in palio ci sono, questa volta, una cinquantina di abitazioni. «Solo a fine gara sapremo se i numeri sono cambiati», spiega Luigi Verderio, assessore alla partita. «L'emergenza casa è uno dei nodi da sciogliere anche sul territorio - aggiunge - alle vecchie povertà si sono sommate quelle nuove. Adesso, a fare domanda di alloggio sono coppie di precari con redditi fra i 20 e i 30 mila euro, che hanno provato a comprare con il mutuo. Quando perdono il posto, il bilocale va all'asta e il ricavato non basta a coprire i debiti. E' la crisi della fascia bassa della classe media». Poi, c'è il sommerso. «Il grosso sono i separati che tornano dai genitori e che non chiedono niente a nessuno. Le stime sono preoccupanti». Il patrimonio immobiliare pubblico è significativo, ma non basta a rispondere ai nuovi bisogni. In città fra Aler e Comune gli appartamenti a prezzi politici sono 396. «Il problema è che da anni non ci sono piani di edilizia popolare e la domanda è in crescita. Non credo che questo bando registrerà un'inversione di tendenza. Le giovani coppie, in particolare, non se la passano certo bene - sottolinea l'assessore -. Enpam, l'ordine di previdenza dei medici, proprietario di un villaggio in città di 498 case affitta a famiglie in cui almeno uno dei due abbia un lavoro fisso e come reddito minimo 21mila euro, cioè il triplo delle spese per l'abitazione fra pigione e condominio. Molti non hanno i requisiti, da qui la lista d'attesa». Numerosi anche gli sfratti, La fotografia scattata dal Distretto rivela che sono 200 in media all'anno sul territorio, 69 a Pioltello fra il 2018 e il 2019, 41 a Segrate, 20 a Vimodrone. Per non lasciare le persone per strada abbandonate a se stesse i comuni spendono fra i 300mila e i 400mila euro. Il nuovo bando Erp (Edilizia residenziale pubblica) apre lunedì e chiuderà il 20 aprile, nelle prossime ore sui siti delle quattro amministrazioni ci saranno tutte le informazioni per partecipare. © RIPRODUZIONE RISERVATA