scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/07/2021

Emergenza casa, bando aperto per assegnare 31 appartamenti

La Provincia Pavese - Stefania Prato

Gli alloggi in zona via Riviera e al Crosione di proprietà comunale e dell'Aler Domande solo online sulla piattaforma regionale. Graduatoria dal 1o agosto scade a fine luglio
PAVIAPubblicato l'avviso pubblico per l'assegnazione di case popolari. In tutto 31 alloggi, 19 di proprietà del Comune di Pavia, 11 di Aler e 1 messo a disposizione dal Comune di Zinasco. Bando che, sottolinea l'assessora ai servizi sociali Anna Zucconi, consentirà di dare una risposta, seppure parziale, alle famiglie in difficoltà. Problema più volte sollevato dall'Assemblea per il diritto alla casa che aveva segnato in rosso la carenza di unità abitative. L'avviso pubblico riguarda l'intero Piano di Zona, si è aperto il primo luglio e scadrà il 31 luglio. le zoneA Pavia le abitazioni si trovano tra via Vivai (zona via Riviera) e piazzale Crosione.«Può partecipare non solo chi risiede a Pavia, ma anche chi abita negli altri 11 centri che fanno parte del Consorzio sociale pavese - spiega Zucconi -. Significa quindi che abitazioni presenti sul nostro territorio comunale potranno essere destinate a persone dei territori limitrofi».Il bando segue quello pubblicato recentemente per l'assegnazione di 8 alloggi, 4 del Comune e altrettanti di Aler, dove le domande avevano superato quota 400. «Il nuovo decreto sostegno prevede una nuova proroga del blocco degli sfratti per morosità o pignoramento dell'immobile, limitata però ai provvedimenti esecutivi adottati dall'inizio della pandemia in poi - fa sapere l'assessore che è anche presidente del Piano di zona -. La norma dispone che per gli sfratti adottati dal 28 febbraio 2020 al 30 settembre 2020 il blocco rimanga fino al 30 settembre 2021, per quelli più recenti, tra il primo ottobre 2020 e il 30 giugno 2021, l'esecuzione resterà sospesa fino al 31 dicembre 2021. Per gli sfratti già esecutivi pre-pandemia, quindi, il blocco resta solo fino al 30 giugno». Dal primo agosto, sulla base delle domande e di tutti i dati raccolti sulla piattaforma regionale, verrà redatta una graduatoria per poi procedere all'assegnazione. la graduatoria«La graduatoria - precisa Zucconi - non resta attiva dopo l'assegnazione dell'unità abitativa. Le domande devono essere presentate online (https://www.serviziabitativi.servizirl.it/serviziabitativi/) e si è quindi cercato di mettere a disposizione tutti gli strumenti possibili per agevolare i cittadini». Supporto che arriva, oltre che dagli sportelli Sicet e Sunia, anche da Aler Pavia-Lodi e dagli sportelli Famiglia aperti nei laboratori sociali: Crosione (Pavia Nord-Est), Pelizza (Pavia Ovest), Scala, (Pavia Nord), Social Bistrot (Pavia Est), e a Travacò. Secondo l'Assemblea per la casa gli sfratti esecutivi in città sono circa 1500. «Non ci risulta un numero tanto alto perché ora possono essere attivate solo procedure esecutive di sfratti del 2019, quindi situazioni pre Covid, alcune delle quali potrebbero essersi risolte. Peraltro gli uffici servizi sociali non vengono coinvolti in automatico. Avremo numeri certi in questo mese, quando si conosceranno agli atti portati dagli ufficiali giudiziari - sottolinea l'assessore -. Con questo avviso si inizia comunque a procedere all'assegnazione degli alloggi disponibili per poi affrontare la questione casa individuando situazioni temporanee per i casi più urgenti». --Stefania Prato