MENU
Chiudi
18/10/2018

Edilizia, ritocchi ai salari Il nuovo contratto fa sperare la Maremma

QN - La Nazione

NELLA sede Ance di Grosseto, in via Monterosa 56, stamane si parla del nuovo contratto collettivo di lavoro per il comparto degli edili. Un documento sottoscritto in piena estate, dopo due anni di travagliate trattative segnate anche da scioperi e manifestazioni organizzate dalle associazioni sindacali. La sede di Grosseto dell'Associazione nazionale dei Costruttori edili ha voluto organizzare un seminario per illustrare alle imprese del territorio associate e a tutti i portatori di interesse, le principali novità inserite in questo contratto di lavoro che alla fine soddisfa un po' tutti. «Ci sono elementi che possono essere valutati in maniera positiva - dice Mauro Carri, direttore dell'Ance Grosseto - a cominciare dall'impegno ad abbassare l'impatto della burocrazia sul sistema degli appalti. Vengono valorizzati gli enti bilateriali, la Cassa edile, la Scuola edile e il Comitato paritetico per la sicurezza nei cantieri. Nel contratto, inoltre - prosegue Carri - si delinea anche la volontà di incidere, in maniera proficua, ssui rapporti di concertazione con gli enti locali per il miglioramento dei lavori pubblici». IL DIRETTORE dell'Ance Grosseto parla anche di interventi, che troverebbero, appunto, spazio nel nuovo contratto tesi all'abbassamento del costo del lavoro. In particolare Carri si riferisce all'incidenza del documento sul fronte della Cassa integrazione guadagni per la quale, in campo edilizio, sarebbe previsto un volume di tre volte superiore a quello a disposizione dell'industria. «L'accordo contrattuale che riguarda migliaia di addetti (per la Cassa Edile della Provincia di Grosseto oltre 3.000 tra titolari d'impresa e dipendenti) - aggiunge Carri - è stato siglato dall'Ance insieme alle Organizzazioni cooperative di settore ed ai rappresentanti dei Sindacati di categoria. Con l'accordo sono auspicate importanti ricadute economiche per l'edilizia della Provincia di Grosseto, avendo inserito qualificate azioni unitarie per il rilancio del settore. Sono previsti aumenti economici per operai ed impiegati, l'istituzione di un Fondo Sanitario Nazionale per i lavoratori dell'edilizia, incentivi per promuovere l'occupazione giovanile e le nuove assunzioni coniugate ai prepensionamenti ed inoltre è previsto un consolidamento del sistema degli Enti bilaterali (Cassa Edile della Provincia di Grosseto, Scuola Edile Grossetana, Comitato Paritetico Territoriale per la sicurezza in edilizia)». Il seminario di questa mattina ha inizio alle 9.30 ed è aperto agli associati Ance e ai liberi professionisti ai quali saranno riconosciuti crediti formativi. La relazione di partenza sarà di Beatrice Massi.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore