scarica l'app
MENU
Chiudi
16/11/2019

Edili sul ponte di Annone

QN - Il Giorno

La manifestazione nel Lecchese
ANNONE BRIANZA (Lecco) Si sono dati appuntamento sul nuovo ponte di Annone Brianza diventato un simbolo dopo che il precedente crollò il 28 ottobre del 2016 uccidendo un uomo di 68 anni che transitava sulla Superstrada 36. Sono seicento i lavoratori edili da tutta la Lombardia che hanno manifestato ieri mattina per chiedere maggiori investimenti nel settore. L'iniziativa fa parte di una mobilitazione nazionale di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, e ha avuto lo scopo di sollecitare le istituzioni competenti a programmare la manutenzione preventiva delle opere, dei viadotti, dei ponti e delle strade. I partecipanti hanno osservato un minuto di silenzio in memoria di Claudio Bertini. «Non chiediamo l'aumento delle risorse economiche da investire, chiediamo lo sblocco dei finanziamenti già approvati - spiegano Ivan Comotti (Fillea), Angelo Ribelli (Filca) ed Enrico Vizza (Feneal) -. Solo il 6% dei finanziamenti stanziati sono stati spesi per realizzare le opere. Da qui transita lo sviluppo sociale ed equilibrato di un paese nell'alveo di una economia circolare che sia compatibile con l'ambiente». La manifestazione è stata realizzata anche per richiedere una vera politica industriale del settore, una riforma previdenziale che riconosca che non tutti i lavori sono uguali ai fini dell'accesso pensionistico, un contrasto dell'elusione contrattuale all'evasione fiscale e al lavoro nero, una corretta applicazione del contratta nazionale dell'edilizia in cantiere, una «contro riforma» del codice degli appalti che privilegi l'offerta economicamente più vantaggiosa e non scarichi sulle condizioni reali dei lavoratori la concorrenza sleale tra imprese e infine una riforma fiscale che riduca le tasse. © RIPRODUZIONE RISERVATA