scarica l'app
MENU
Chiudi
30/12/2018

Edifici e monumenti in «odore» di restauro

La Gazzetta Del Mezzogiorno

COSA... BOLLE IN «PENTOLA»
Nell'elenco, anche Palazzo di Città
l Il programma delle opere pubbliche, che l'Am ministrazione ha in cantiere di effettuare entro (si spera) il 2020, annovera tutta una serie di interventi su scuole, beni monumentali, viabilità e quant'altro. Per quanto concerne i beni monumentali, oltre ai progetti già in corso (Fontana dell'Impero, Palazzo Nervegna, Convento S. Chiara), sono previsti interventi per il Monumento al Marinaio (un milione di euro), la Fontana Tancredi (100mila euro), San Giovanni al Sepolcro (372mila euro) e per gli scavi di Palazzo Guerrieri (400mila euro) e di Palazzo Nervegna (300mila euro). Passando poi alle scuole, quelle interessate da futuri interventi sono: la "De Amicis" di Tuturano (facciate e solai: 200mila euro) e la "Virgilio" (ade guamento strutturale e antisismico: 915mila euro). Inoltre, un appalto per un importo di 240mila euro prevede la manutenzione straordinaria di un "pac chetto" di scuole: "Santa Rita", "Pertini", "Deledda", via Dei Mille (facciata), "Livio Tempesta" (rifacimen to solaio e sostituzione caldaia), "Giulio Cesare" (pen siline), via Sele ((sistemazione cancello oggetto di sopralluogo al quartiere), via Vivaldi di Tuturano (rifacimento recinzione e cancello), "Don Milani" (fac ciate esterne), via Leonardo da Vinci (messa in sicurezza aula robotica) e asilo nido via Modigliani (impermeabilizzazione solai). Ancora in aggiunta, sono in lista per il rifacimento dei solai le scuole "S. Antonio" (388.368 euro), "Livio Tempesta" (990.000 euro), "S. Rita" (409.599 euro), "Sorelle Agazzi" (444.600 euro), "Ferrante Aporti" (465.084 euro), via dei Salici (390.240 euro), "Boschetti Alberti" (613.278 euro), "Montessori" (343.080 euro) e via Ofanto (446.328 euro). In relazione alle strade, sono diverse le procedure in riferimento alle quali è in corso di assegnazione l'appalto (tra esse, la messa in sicurezza di via Vittorio Emanuele, via Stazione, via Colemi a Tuturano e piazza Pietro Colletta), così come altrettanto rilevante è il numero degli appalti in corso, quasi ultimati o già conclusi di recente, con lo stanziamento di diverse centinaia di migliaia di euro. Sotto quest'aspetto, l'Amministrazione punta a risolvere (almeno parzialmente) quella grossa nota dolente rappresentata dallo stato di dissesto in cui versa buona parte della rete urbana e che costringe il Comune a sborsare fior di quattrini a titolo di risarcimento dei danni provocati da cadute. Per quanto concerne edifici pubblici e case comunali, nel programma delle opere pubbliche in cantiere rientra anche la manutenzione straordinaria di Palazzo di Città (100mila euro) e un altro appalto che ha ad oggetto la manutenzione straordinaria di immobili comunali adibiti ad abitazione (300mila euro). A breve, infine, è previsto un intervento sulla copertura del mercato ex Inapli.